“Sono la forza e la libertà che fanno gli uomini egregi. La debolezza e la schiavitù non hanno mai fatto altro che dei malvagi” - Jean Jacques Rousseau
HomeCalabriaOperazione "Sangue blu", scoperte sei estorsioni ad opera del clan "Santapaola-Ercolano". Arresti...

Operazione “Sangue blu”, scoperte sei estorsioni ad opera del clan “Santapaola-Ercolano”. Arresti anche a Vibo Valentia

Sono in tutto 34 gli arrestati, 25 in carcere e 9 agli arresti domiciliari, una persona e’ ancora ricercata, nell’ambito dell’operazione ‘Sangue blu’ dei carabinieri di Catania su delega della Direzione distrettuale antimafia contro il clan ‘Santapaola-Ercolano’. Gli arresti hanno riguardato oltre la città di Catania anche Prato, L’Aquila, Enna, Perugia, Vibo Valentia, Palermo, Benevento, Siracusa ed Avellino. Le indagini hanno consentito di individuare in Francesco Napoli l’attuale ‘responsabile provinciale’ del clan in questione e nipote Salvarore Ferrera e legato da vincoli di sangue allo storico capomafia Benedetto ‘Nitto’ Santapaola.

Le indagini hanno documentato anche sei estorsioni ai danni di altrettanti imprenditori. Una di queste si è manifestata nella collocazione di una bottiglia incendiaria all’esterno di un noto stabilimento balneare della Playa accompagnata da un pizzino con la scritta ‘200 mila euro o ti cerchi l’amico 2 giorni di tempo’, una sorta di ‘codice identificativo’ delle estorsioni del clan. Vi sono stati inoltre sequestri preventivi di due società, un salone auto multimarca a San Gregorio, nel catanese ed una enoteca del capoluogo etneo.

Gli arrestati devono rispondere di associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione, traffico di stupefacenti, trasferimento fraudolento di beni e detenzione illegale di armi e munizioni. E’ emerso come Francesco Napoli, nella gestione quotidiana delle attività illecite del sodalizio aveva costantemente adottato cautele estreme volte ad evitare che le sue conversazioni potessero essere ascoltate dalle forze dell’ordine come una rete telefonica riservata. Parimenti, la trattazione delle varie questioni di interesse del clan, sarebbe stata sempre rimandata ad incontri in presenza, fissati senza alcun riferimento al luogo ma indicato con ‘nomi in codice’.

Articoli Correlati