“Ti accorgerai com'è facile farsi un inutile software di scienza e vedrai che confuso problema è adoprare la propria esperienza” - Francesco Guccini, Culodritto
HomeAgoràLa Regione al lavoro per celebrare l'anniversario della nascita di Saverio Strati

La Regione al lavoro per celebrare l’anniversario della nascita di Saverio Strati

La vicepresidente della Regione Calabria, Giusi Princi, ha presieduto oggi, presso la Cittadella regionale, gli incontri del Comitato di coordinamento e del Comitato scientifico, istituiti con delibera di Giunta per la promozione delle iniziative in vista del 100° anniversario della nascita di Saverio Strati, il cui centenario di nascita ricorrerà il 16 agosto 2024.

“Oggi – ha dichiarato la vicepresidente – abbiamo iniziato a confrontarci sulla programmazione delle attività dedicate alle celebrazioni di uno tra i più illustri scrittori calabresi e italiani. Insieme al presidente Occhiuto abbiamo voluto istituzionalizzare i Comitati, composti da professori, scrittori, ricercatori, prefatori di volumi, giornalisti, editori, a cui affidare la programmazione e la promozione di iniziative attraverso cui dare il giusto riconoscimento a chi, acuto interprete dei problemi dell’emigrazione e dell’integrazione culturale, attraverso i suoi capolavori letterari, ha saputo raccontare la Calabria e i calabresi”.

“All’interno di questa iniziativa – ha specificato inoltre Princi – si inserisce anche il progetto di sperimentazione, destinato alle scuole secondarie, elaborato d’intesa con l’Ufficio scolastico regionale, che ha l’obiettivo di promuovere lo studio di importanti scrittori calabresi, come Strati, ma anche come Alvaro o La Cava, le cui opere diventeranno parte integrante dell’insegnamento curriculare. È necessario che la memoria non vada dispersa e si avvii un processo di valorizzazioni che non si fermi solo in Calabria ma abbia adeguata evidenza anche nelle scuole di tutta Italia. Inoltre, attraverso le celebrazioni di Saverio Strati, intendiamo dare visibilità e valore alle aree interne della nostra regione per promuovere una narrazione positiva della Calabria”.

Su delega dei membri effettivi, hanno preso parte alla riunione la professoressa Rossella Marzullo, per l’Università Mediterranea di Reggio Calabria, il professor Fulvio Librandi, per l’Unical di Cosenza, il professor Charlie Barnao per l’Umg di Catanzaro, e il direttore editoriale della casa editrice Rubbettino, Luigi Franco, il quale è stato individuato come presidente del Comitato scientifico. Presente per il Dipartimento regionale all’istruzione la dirigente del settore cultura, Ersilia Amatruda.

La vicepresidente ha informato i componenti dei Comitati che la Regione sosterrà finanziariamente il programma delle iniziative e che sarà realizzato un apposito portale attraverso il quale intercettare anche i più giovani. Al termine si è deciso, accogliendo la proposta della vicepresidente Princi, di rendere i Comitati permanenti per intraprendere lo stesso percorso con altri autori di prestigio della letteratura calabrese.

Il comitato d’indirizzo, oltre alla vicepresidente Princi, è composto da: Domenico Stranieri, sindaco di Sant’Agata del Bianco, Palma Comandè, familiare dello scrittore, Florindo Rubbettino, dell’omonima casa editrice, Antonella Iunti, direttrice dell’Ufficio scolastico regionale, Giuseppe Zimbalatti, Rettore dell’Università di Reggio Calabria, Nicola Leone, Rettore dell’Universita’ della Calabria, Giovanbattista De Sarro, Rettore dell’Università Magna Grecia di Catanzaro, Maria Mallamace, dirigente generale del Segretariato regionale per la Calabria del Ministero della Cultura.

Fanno parte del Comitato scientifico: Giuseppe Bova, presidente del Rhegium Juli; Gioacchino Criaco, scrittore; Andrea Di Consoli, scrittore, critico letterario, editorialista, Rai Teche; Goffredo Fofi, scrittore, giornalista e critico cinematografico, letterario e teatrale; Luigi Franco, direttore editoriale Rubettino e curatore della collana delle opere di Saverio Strati; Anna Rosa Macrì, giornalista e scrittrice; Aldo Maria Morace, presidente Fondazione Corrado Alvaro. Antonio Motta, Centro documentazione Leonardo Sciascia/Archivio del Novecento; Domenico Nunnari, giornalista e scrittore; Walter Pedullà, scrittore, critico letterario, già professore ordinario di storia della letteratura italiana moderna e contemporanea dell’Università La Sapienza; Giusy Staropoli Calafati, scrittrice; Santo Strati, direttore Calabria Live; Luigi Tassoni, semiologo, professore ordinario di letteratura italiana e di semiotica all’Università di Pécs (Ungheria).

Articoli Correlati