“Gli eserciti cessano di avanzare perchè le persone hanno le orecchie e i pastori e i soldati giacciono sotto le stelle scambiandosi opinioni” - Patti Smith – “People have the power”
HomeCalabriaCosenzaCambio al vertice per l'ASP di Cosenza, Tavernise (M5S): "Grazie a La...

Cambio al vertice per l’ASP di Cosenza, Tavernise (M5S): “Grazie a La Regina per l’attività svolta e sinceri auguri di buon lavoro ad Antonello Graziano. Medicina d’emergenza urgenza resta priorità indifferibile”

In attesa che il professore Giuseppe Profiti, oggi a capo della Struttura di missione del sistema sanitario e sociosanitario in Liguria, prenda servizio, in qualità di consulente e collaboratore del commissario ad acta della sanità calabrese, con il DCA n. 55 il presidente Occhiuto nomina quale nuovo commissario straordinario dell’ASP di Cosenza il dott. Antonello Graziano.

“Grazie a La Regina per l’attività svolta in questo anno e mezzo di incarico, frequenti e schietti sono stati i confronti sulle necessità del territorio e le azioni da intraprendere. Un anno e mezzo in cui si registrano diversi risultati e diverse sfide ancora da portare avanti. Per cui faccio i più sinceri auguri di buon lavoro al dott. Graziano per il nuovo incarico”, è il primo commento di Davide Tavernise, capogruppo del M5S nel consiglio regionale della Calabria.

“Ove mai ce ne fosse bisogno – continua Tavernise – alle ripetute denunce pubbliche sulla carenza di personale medico, con particolare riguardo alla medicina d’emergenza urgenza, in questi giorni si sono aggiunte anche le segnalazioni forti della Fismu, sull’azienda ospedaliera di Cosenza, e della Simeu società italiana medicina di emergenza – urgenza, secondo cui da novembre ad oggi 600 medici hanno dato le dimissioni dai pronto soccorso italiani. Una situazione che manifesta tutta la sua drammaticità in Calabria, una regione con infrastrutture inadeguate, con medici costretti a turni massacranti, e dove secondo Anaao da qui al 2025 saremo carenti di 249 specialisti di medicina d’emergenza urgenza, 63 specialisti in anestesia rianimazione e terapia intensiva, 90 specialisti in chirurgia generale”. “Dati – conclude Tavernise – che non lasciano adito a dubbi: la medicina d’emergenza urgenza è una priorità indifferibile”.

Articoli Correlati