“L'accondiscendenza partorisce amici, la verità odio” - Marco Tullio Cicerone
HomeCalabriaIl commissario ZES Calabria, Giosy Romano: "Fare sinergia con altre regioni del...

Il commissario ZES Calabria, Giosy Romano: “Fare sinergia con altre regioni del Mediterraneo”

“La priorita’ e’ quella dell’attrazione degli investimenti, non nella logica divisiva di sottrarli ad altri territori ma nella logica di realizzare investimenti che altrove non sono realizzabili, grazie alla posizione geografica, alla peculiarita’ di questa terra e cercando di sfruttare la possibilita’ che quest’area venga messa in sinergia con le altre”. Lo ha detto il commissario della Zes Calabria, Giosy Romano, intervenendo agli Stati generali del Mediterraneo in corso a Gizzeria (Catanzaro).

“Il senso di questa iniziativa – ha spiegato Romano – e’ quello di fare una sorta di azione di promozione e di monitoraggio, quasi all’unisono, non sfuggendo all’importanza di fare una valutazione di quello che e’ stata fatto nei sei mesi dalla nomina del commissario di governo e dare un segno tangibile di quello che si e’ riusciti a ottenere e di quant’altro si puo’ raggiungere. Questo altro e’ l’attrazione di tanti investimenti, la necessita’ di collegare questa regione alle altre regioni del Mediterraneo.

Il senso – ha aggiunto il commissario della Zes Calabria – e’ quello di dare importanza al mediterraneo inteso in senso allargato, senza distinzioni di sorta, di confini territoriali e geografici ma anche sfruttando la posizione centrale della Calabria per fare sinergia con gli altri Stati dell’altra sponda del Mediterraneo”. Al centro dell’attenzione il tema delle infrastrutture: secondo Romano “il Ponte sullo Stretto ovviamente e’ un’opera che incide tantissimo sullo sviluppo di questa regione e dell’intero Mediterraneo, e quindi anche di quello si parlera’ come si parlera’ di tante altre possibilita’ ulteriori per questo territorio.

Il porto di Gioia Tauro e’ assolutamente strategico, lo diciamo da sempre, occorre procedere all’ulteriore valorizzazione di quell’area, non si puo’ prescindere da quella che e’ centrale all’interno del Mediterraneo. E – ha concluso il commissario della Zes Calabria – ribadisco: dobbiamo cominciare a ragionare in un’ottica piu’ ampia, di centralita’ non piu’ rispetto all’Italia ma di centralita’ rispetto al Mediterraneo in senso lato”.

Articoli Correlati