“Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati” - Bertolt Brecht
HomeCalabriaPatto Scuola, Bianchi: "Partiamo da Napoli, proseguiremo con Sicilia e Calabria"

Patto Scuola, Bianchi: “Partiamo da Napoli, proseguiremo con Sicilia e Calabria”

“Con il Patto Scuola partiamo oggi da Napoli e poi proseguiamo verso il resto del Paese. Lavoriamo con tutte le citta’, sapendo che il problema piu’ forte e’ nel Mezzogiorno”. Lo ha detto il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi lanciando dalla Fondazione Famiglia di Maria a San Giovanni a Teduccio, nella periferia est di Napoli, il patto con i nuovi fondi che sara’ firmato nel pomeriggio.

“Con i fondi – ha spiegato Bianchi – abbiamo diviso le strade, usandone una parte delle infrastrutture, facendole a bando in modo che il Comune possa intervenire. Noi siamo partiti con un investimento piu’ forte per le scuole dell’infanzia e gli asili nido, il piu’ forte perche’ non si erano mai visti 4,6 miliardi su queste scuole e lo abbiamo fatto molto nel sud. Poi abbiamo operato interventi come questo in cui chiediamo interventi da parte di tutti, che ognuno ci mette il suo e noi facciamo la parte di interventi nelle scuole Regione per Regione. E’ chiarissma la responsabilita’ della Campania, chiarissimo il ruolo della Sicilia e ora stiamo pensando alla Calabria che e’ un grande punto delicato”. Bianchi parla anche dell’intervento psicologico sui ragazzi di scuola: “Conosciamo – dice – questo problema e partendo da questo dato ho insistitio a portare ragazzi in classe, lo psicologo deve essere di supporto alla scuola, non deve sostituirsi agli insegnanti. Il docente coglie qualcosa negli alunni e poi dobbiamo lavorarci tutti, ma questo riguarda tutto il Paese. Forse abbiamo sottovalutato una cosa necessaria come e’ stata la dad, a dove avrebbe portato i giovani e ora su questo stiamo lavorando anche con gli psicologi”.

Articoli Correlati