“Si è sempre responsabili di quello che non si è saputo evitare” - Jean-Paul Sartre
HomeAgoràAgorà Vibo ValentiaCalcio, Real Pizzo verso l'esordio in campionato

Calcio, Real Pizzo verso l’esordio in campionato

Tutto pronto per l’esordio in Campionato del Real Pizzo. Tra meno di 48 ore la rinnovata squadra affidata al tecnico Pino Alessandro scenderà in campo per disputare la prima gara ufficiale. Significativa la scelta della Società di radunare tutti i protagonisti della stagione che sta per prendere avvio, per trascorrere una serata all’insegna della condivisione di idee ed emozioni. Quelle che alimentano la vigilia di un appuntamento importante a cui bisogna arrivare con il cuore ricolmo di entusiasmo e la mente assetata di nuove conquiste.

L’incontro, svoltosi nell’elegante location del Popilia Country Resort, è stata l’occasione per tirare le somme del lavoro svolto nei mesi di preparazione, per rinnovare i propositi per il futuro oltre che per rivolgere le ultime raccomandazioni agli atleti.

Il massimo dirigente del Club, Holmo Marino, ha lanciato un chiaro messaggio ai giocatori invocando lealtà, correttezza e sobrietà: “Il nostro obiettivo primario è quello di portare alto il nome di Pizzo rispettando le regole dello sport e i valori etici su cui si fonda il nostro progetto. Non siamo alla ricerca esclusivamente dei buoni risultati agonistici ma ci stiamo impegnando anche per offrire opportunità di crescita ai ragazzi più giovani in quanto siamo convinti che lo sport sia un’efficace palestra di vita”.

Il Presidente Marino si è espresso anche sulle problematiche logistiche che non permetteranno alla squadra di giocare le partite casalinghe a Pizzo: “Abbiamo trovato comprensione da parte dell’Amministrazione Comunale che ci ha garantito di essere già a lavoro per la realizzazione del campo sportivo. Siamo fiduciosi, e al contempo, consapevoli che per questa stagione dovremo spostarci al Marzano di Vibo Marina, affrontando anche dei costi economici maggiori”.

Un argomento affrontato anche dal sindaco di Pizzo, Sergio Pititto: “La progettazione dell’impianto sportivo è in itinere in quanto l’affidamento dei lavori era già stato messo a bando. Si tratta di un investimento di ingenti risorse, si parla di 750mila euro. Daremo priorità a questo progetto in quanto ci rendiamo conto che i giovani hanno bisogno di luoghi dove ritrovarsi. I tempi per la realizzazione? Circa un anno e mezzo e il campo sportivo dovrebbe diventare realtà”. Infine, il Primo cittadino si è rivolto ai calciatori così: “Sono sicuro che darete lustro alla città. Siete ambasciatori di un bellissimo progetto”.

A prendere la parola, poi, è stato l’imprenditore Pippo Callipo che, “sedotto” dal progetto sportivo e sociale del Real Pizzo, ha accordato il proprio sostegno economico (la “Giacinto Callipo Conserve Alimentari” è, difatti, main sponsor della Real Pizzo), oltre che la disponibilità ad offrire la sua esperienza trentennale in ambito sportivo: “Mi sono avvicinato a questa realtà coinvolto da un mio valido collaboratore, Pietro La Porta, che ricopre il ruolo di vicepresidente del Club. È stato lui a farmi conoscere da vicino una realtà di persone che con grande passione stanno lavorando per questo progetto. Sarà un anno di esperimento che solo voi potreste far fallire. È vero che ho preso un impegno con i vostri dirigenti, ma voi potreste invogliarmi a proseguire lungo questo percorso. Vi chiedo di onorare la maglia che indosserete e che sarà la vostra seconda pelle ricordandovi che la serietà è un segno distintivo nella vita e nello sport, in qualsiasi categoria”.

L’attenzione del tecnico Pino Alessandro è stata rivolta sull’impegno di domenica 2 ottobre: “Ai miei ragazzi ho chiesto di essere consapevoli dello scopo che abbiamo. Di avere un giusto senso di responsabilità e di essere consapevoli delle difficoltà che ci aspettano. Serve umiltà e determinazione per fare bene. La nostra priorità è giocare e portare buoni risultati ma sempre tenendo un comportamento improntato sulla correttezza. La prima gara di campionato nasconde sempre delle insidie e noi dovremo saper gestire la situazione. Il nostro punto di forza è il gruppo, il collettivo. Il contributo di ciascuno sarà fondamentale”.

 

Articoli Correlati