“La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla” - Gabriel Garcia Marquez
HomeFronte del palcoFronte del palco Vibo ValentiaTropea si prepara a un nuovo week end di musica

Tropea si prepara a un nuovo week end di musica

Dalle suggestive note risuonate dal quartetto d’archi nella Cappella dei Nobili; al concerto per clarinetto, pianoforte e viola al Santa Chiara; dalla musica rinascimentale a quella identitaria e popolare. La destinazione esperenziale si prepara ad accogliere un altro fine settimana di cultura e musica dal respiro internazionale.

 

Musica e chiesa fra Medioevo e Rinascimento. È, questo, l’appuntamento promosso da L’OFFERTA MUSICALE di Venezia per le ore 18,30 di domani, venerdì 19. Nella Cappella dei Nobili di S. Nicola sulle musiche di J. Dunstable, L. Power, G. Binchois, G. Dufay e anonimi del XIV e XV secolo Ars Cantus Mensurabilis si esibiranno Maria-Lisa Geyer (voce) e Riccardo Parravicini (Organo portativo) e Cristiano Brunella (fidula).

 

SABATO 20 E DOMENICA 21 TORNA TROPEA MUSICA, STAGIONE CONCERTISTICA 2024.

Sabato 20 alle ore 19.30, la Cappella dei Nobili, nell’ambito della stagione concertistica 2024, ospiterà un nuovo appuntamento di Tropea Musica. Si esibirà il quartetto d’archi composto da Marta Pignataro e Stefania Lubrano al Violino, Mirian Iaccarino alla viola e Assunta Gigantino al violoncello.

 

DOMENICA 21 AL SANTA CHIARA CONCERTO PER CLARINETTO, PIANO E VIOLA. Saranno Marco Ceravolo, Laura Madarino e Daniele Paolillo i maestri che si esibiranno alle ore 19,30 sugli spartiti di Mozart, Bruch e Glinka.

 

CAUSA PIOGGIA RITMI DEL SUD SI SPOSTA A DOMENICA 21. INVARIATO L’APPUNTAMENTO DI SABATO 20. L’evento previsto per venerdì 19 si terrà DOMENICA 21 alle ore 18 in piazza Vittorio Veneto. Protagonisti del terzo week end di Ritmi del Sud saranno Ibeddi dalla Sicilia. Di folk in folk è il titolo del loro spettacolo acustico, una rappresentazione ricca di suoni, canti, liriche e racconti appartenenti al popolo siciliano, attraverso il quale i musicisti, intimamente connessi con le loro origini, rappresentano la parte ancora vitale della tradizione musicale isolana. Durante l’esibizione le vibrazioni delle corde dei mandolini e dell’acciaio dei marranzani si fondono con i timbri dell’organetto, della zampogna e dei flauti di canna, i ritmi pungenti del tamburello siciliano, suonato alla maniera tradizionale, si mischiano a quelli suadenti del contrabbasso e della chitarra battente. Alle ore 19 raccoglieranno il testimone i Suoni Lontani, dalla Calabria e precisamente da Fagnano Castello. Il gruppo, nato nel 2017, è formato da amici animati da una grande passione per la musica popolare. Suonano interamente live con l’intento di regalare allegria e spensieratezza a chi ascolta. Il quintetto è formato dalla voce e fisarmonica di Sandro Giovane, la chitarra di Luca Perrone, organetto e strumenti tradizionali di Vincenzo Pio Serra, la batteria di Giuseppe Sagulo e il basso elettrico di Francesco Valente.

 

Sabato 20 per la rassegna di musica etnica popolare si esibiranno dalla Campania, gli Etnica. L’appuntamento è alle ore 21 in piazza Ercole. Composto da musicisti da sempre impegnati in un ampio progetto di conoscenza della cultura popolare, la formazione rivisita con originalità pagine di tradizione toccando i vari aspetti della vita napoletana. Istinto, allegria, spiritualità e ritmo sono gli ingredienti del concerto proposto.

 

Alle ore 22 nella stessa piazza arriveranno i calabresi Castrum, giovani del cosentino che nascono nel settembre del 2015 dopo la militanza all’interno del gruppo folcloristico del loro paese d’origine, Castrovillari. Varie vicende segnano il percorso della band, tanto da avere una vera e propria evoluzione a livello musicale durante questi anni. Tradizione e Innovazione sono le due parole chiave da tenere a mente durante le serate dei Castrum. Toccando vari punti dell’Italia con i loro concerti, si sono distinti nel 2016, partecipando al concorso di musica popolare organizzato dalla FITP a Ravenna nel Teatro Rasi classificandosi al secondo posto e partecipando a vari festival, uno tra i più importanti riconosciuto in tutto il mondo il Festival Internazionale del Folklore (per ben 2 volte) che si tiene a Castrovillari da oltre 30 anni. Vincitori del contest SILA MUSIC FEST edizione 2019 hanno partecipato al concerto di Clementino, mentre il 31 dicembre 2019 il gruppo ha aperto il concerto della Notte di Capodanno a Cassano all’Ionio a Stash e i The Kolors. Sono vincitori del Premio Nazionale Folk&world di Cutrofiano (LE) e del Gran Premio Manente 2023.

Articoli Correlati