“La ragione che ci fa temere l'abisso, ci rende coraggiosi di fronte alle avversità e diffidenti dinanzi al farabutto che cerca di dare gatta per lepre” - Luis Sepúlveda
HomeCalabriaVibo ValentiaPrefetto di Vibo Valentia emana circolare su messa in sicurezza strade: "Mera...

Prefetto di Vibo Valentia emana circolare su messa in sicurezza strade: “Mera azione repressiva-sanzionatoria sterile e insufficiente senza sensibilizzazione”

Il prefetto di Vibo Valentia Paolo Giovanni Grieco ha emanato una circolare operativa agli enti proprietari delle strade finalizzata a coordinare gli interventi di messa in sicurezza e di miglioramento delle condizioni della circolazione stradale nel territorio vibonese. Già dallo scorso anno, anche a seguito di alcuni episodi che hanno visto tragicamente protagonisti alcuni giovani che hanno perso la vita in incidenti stradali, è scritto in una nota, “l’attenzione della Prefettura sulla tematica della sicurezza stradale è stata ancor più forte”.

Il prefetto, in sede di Conferenza permanente, insieme alle forze di polizia, ha effettuato una ricognizione dello stato delle arterie stradali e delle misure necessarie ad aumentare le condizioni di sicurezza della circolazione, “senza prescindere dalla consapevolezza che il primo fattore di sicurezza consiste nella correttezza dei comportamenti degli utenti che devono conformarsi alle norme del codice della strada e alle indicazioni della segnaletica vigente. Importante contributo al confronto – prosegue la nota – è stato apportato dalle associazioni e dai comitati di cittadini, il cui approccio al tema ha oltremodo sviluppato sul tema la dialettica fra tutte le componenti della società civile”.

Coinvolto anche il mondo della scuola sia con la partecipazione alla Conferenza permanente sia favorendo la realizzazione di alcuni incontri formativi con l’adesione della Polizia stradale e dell’Anas. “La mera azione repressiva/sanzionatoria – afferma Grieco – sarebbe di per sé sterile, o di certo insufficiente, se non accompagnata da iniziative di promozione e sensibilizzazione anche delle nuove generazioni che spesso sono vittime incolpevoli dalla poca educazione al rispetto delle regole, anche di quelle della strada”.

Articoli Correlati