“Le convinzioni, più delle bugie, sono nemiche pericolose della verità” - Friedrich Nietzsche
HomeCalabriaVibo ValentiaPizzo, De Pasquale incontra i titolari di bar e ristoranti del Centro...

Pizzo, De Pasquale incontra i titolari di bar e ristoranti del Centro Storico: “Settore cruciale per la nostra comunità”

Proficuo confronto tra il candidato sindaco di Pizzo Emilio De Pasquale, capolista di “Domani è oggi”, e gli operatori commerciali, titolari di ristoranti e gelaterie, del centro storico cittadino. Un confronto, svoltosi nella sede elettorale di via Nazionale, che è servito a recepire dalla viva voce degli esercenti le maggiori urgenze che il settore vive nel salotto buono della cittadina.

Nel contempo, il candidato sindaco De Pasquale ha avuto modo di illustrare le principali proposte contenute nel suo programma elettorale in materia di sostegno ai settori del commercio, della ricettività e della ristorazione, ritenuti dal capolista di “Domani è oggi” «cruciali per l’economia locale e determinanti per l’occupazione e l’offerta turistica della nostra comunità».

Tre le principali problematiche emerse nel corso dell’incontro, tutte legate all’erogazione di servizi da parte dell’Ente comunale. In particolare nel settore idrico, in quello della gestione dei rifiuti e, infine, in quello della viabilità. Rispetto a tali tematiche, De Pasquale ha esposto le iniziative che l’Amministrazione comunale da lui guidata intende mettere in pratica se sarà premiato dagli elettori.

«L’intervento sulla rete idrica – ha detto De Pasquale sviscerando il primo aspetto – è determinante per scongiurare il rischio di lasciare a secco le attività commerciali del centro storico nei mesi di maggiore attività. Per questo avvieremo studi di fattibilità per nuovi potenziali pozzi che possano servire il centro cittadino».

Per quanto attiene la raccolta rifiuti, nel corso del confronto è emersa l’esigenza di un incremento della raccolta differenziata nei mesi estivi, ritenuta attualmente insufficiente a fronteggiare le quantità prodotte. Concordando sulla necessità di potenziare il servizio di raccolta, De Pasquale ha affermato: «individueremo una soluzione che possa superare le criticità realizzando un’area per il conferimento di plastica e vetro e rendendo pienamente operativa l’esistente isola ecologica dove i ristoratori potranno conferire il surplus di rifiuti. Inoltre faremo in modo che la raccolta della frazione umida avvenga con cadenza giornaliera nel periodo estivo di maggiore produzione».

Infine sull’annoso problema della viabilità, la proposta che De Pasquale ha esposto ai ristoratori del centro storico prevede «l’istituzione della Ztl per l’accesso alle tre principali strade che portano in piazza della Repubblica; la pedonalizzazione della stessa piazza e delle vie limitrofe; il collegamento con i parcheggi più prossimi al centro cittadino attraverso mezzi pubblici a basso impatto ambientale e convenzioni con i Noleggio con conducente (Ncc) che rendano più agevole lo spostamento di visitatori e turisti. Lo scopo è quello di evitare in ogni modo il congestionamento della viabilità e, soprattutto, il passaggio delle auto a pochi metri dai tavolini di bar e ristoranti. Grazie ai tecnici che collaborano alla stesura del programma – ha aggiunto De Pasquale – abbiamo poi già messo a punto il progetto per la realizzazione di un nuovo grande parcheggio nei pressi del cimitero che sarà collegato al centro cittadino attraverso navette elettriche e un suggestivo e panoramico percorso pedonale. Anche piazza Musolino, di fronte al Castello, verrà pedonalizzata e riqualificata eliminando l’attuale parcheggio per restituire così alla piena fruibilità uno degli angoli più suggestivi di Pizzo, oggi non adeguatamente valorizzato».

Infine, per incrementare l’offerta di servizi nell’area del centro storico, De Pasquale ha enunciato l’obiettivo di «adibire ad Info-point turistico alcuni locali della scuola elementare di piazza della Repubblica e individuare negli stessi locali la sede per attività sociali e aggregative che possano contribuire a ravvivare la zona anche nei periodi di minor afflusso turistico».

Articoli Correlati