“La ragione che ci fa temere l'abisso, ci rende coraggiosi di fronte alle avversità e diffidenti dinanzi al farabutto che cerca di dare gatta per lepre” - Luis Sepúlveda
HomeCalabriaCatanzaroCala il sipario della stagione del Teatro Incanto con l'ultimo spettacolo del...

Cala il sipario della stagione del Teatro Incanto con l’ultimo spettacolo del cartellone “Viva la Calabria”

La stagione del “Teatro Incanto” – al Teatro Comunale, nel centro del centro storico di Catanzaro – si chiude domenica 26 maggio alle 18.30 con la commedia “Viva la Calabria”, un’opera unica che racconta la storia della nostra regione con un tocco di ironia e leggerezza.

“Viva la Calabria” è una commedia solo per modo di dire. “Siamo consapevoli di quanto poco conosciamo la storia della nostra regione e di quanto sia difficile per noi raccontarla agli altri. Spesso ci chiediamo se esista davvero un motivo per essere fieri della nostra Calabria – afferma Francesco Passafaro, attore e regista e autore della commedia che andrà in scena al “Comunale” -. Molti di noi calabresi si vergognano del nostro forte accento meridionale, considerandolo sgradevole e pesante. Eppure, siamo abituati ad apprezzare gli accenti regionali degli altri, mentre il nostro – sia esso catanzarese, cosentino o reggino – ci sembra impossibile da ascoltare con piacere”.

Secondo Passafaro, insomma, “la nostra impreparazione storica è un’altra grande sfida. Non conosciamo a fondo il passato che ha plasmato la nostra regione, i nostri comuni e il contesto sociale e politico che ci caratterizza. Per questo motivo, qualche anno fa ho deciso di scrivere “Viva la Calabria”, con l’obiettivo di raccontare, in modo divertente e autoironico, le origini della nostra storia sia ai grandi che ai più piccoli – spiega ancora Passafaro -. Non dimentichiamo che siamo i discendenti di Pitagora, uno dei geni più famosi di tutti i tempi, e abbiamo avuto pensatori come Telesio e combattenti come Donna Brettia, la fondatrice di Cosenza. A livello mitologico, abbiamo la Fata Morgana e Atlante, il Dio che reggeva il mondo”.

Ed ecco in scena il vero protagonista della storia: Aschenéz, il primo calabrese storicamente accertato, pronipote di Noè e inventore della barca a remi. “Viva la Calabria”, una commedia che, con ironia e affetto, celebra la nostra Calabria.

Per info e prenotazioni: 0961 741241. Il biglietto può essere acquistato anche sul sito del Teatro Comunale: www.ilcomunalecz.it

Articoli Correlati