“Sono la forza e la libertà che fanno gli uomini egregi. La debolezza e la schiavitù non hanno mai fatto altro che dei malvagi” - Jean Jacques Rousseau
HomeAgoràAgorà CosenzaDissesto idrogeologico e inquinamento acque, torna all’Unical il convegno scientifico degli studiosi

Dissesto idrogeologico e inquinamento acque, torna all’Unical il convegno scientifico degli studiosi

Come ogni anno, gli studiosi italiani che si occupano di difesa del suolo, dissesto idrogeologico, erosione costiera, risorse idriche e inquinamento delle acque si ritrovano all’aula Caldora dell’Università della Calabria venerdì 25 e sabato 26 novembre, per partecipare ai Seminari tecnico-scientifici su Tecniche per la Difesa del Suolo e dall’Inquinamento, che recano la denominazione inglese di ICIRBM (Italian Conference on Integrated River Basin Management).

ICIRBM ha avuto il suo inizio nell’ormai lontano 1980 e si è snodato ininterrottamente nelle Edizioni annuali successive, fino ad arrivare, nel 2022, alla 43a Edizione. Esso ha prodotto i volumi a stampa degli Atti per tutte le Edizioni, dal 1986 pubblicati dall’editore Bios di Cosenza, per un ammontare complessivo di circa 25000 pagine.

È l’iniziativa più longeva che esiste in Italia nell’ambito della Difesa del Suolo, peraltro affrontata sin dal 1980 in un’accezione nuova, di tipo interdisciplinare, basata sul connubio tra gli aspetti fisici e quelli ambientali.

ICIRBM negli anni ha inteso ispirarsi all’impostazione dell’idraulico italiano Giulio De Marchi e della “Commissione Interministeriale per lo studio della sistemazione idraulica e della difesa del suolo” da lui presieduta, chiamando a contribuire non solo i ricercatori nel campo dell’Idraulica e delle Costruzioni Idrauliche, ma anche quelle degli altri ambiti dell’Ingegneria e delle Scienze Naturali, come documentato dai volumi degli Atti.

L’evento, organizzato dal LaMPIT (Laboratorio di Modellistica numerica per la Protezione Idraulica del Territorio), dal Centro Studi Acquedotti e Fognature, dai Dipartimenti di Ingegneria Ambientale e Ingegneria Civile e dall’Associazione Idrotecnica Italiana, è diretto dai Proff. Giuseppe Frega e Francesco Macchione.

Il Convegno è articolato in 5 sessioni. Complessivamente saranno presentate 42 Relazioni, che hanno impegnato 144 coautori provenienti da 31 Università, di cui 5 Università straniere.

Tra i coautori sono presenti altresì ricercatori del CNR e tecnici dell’Autorità di Bacino Distrettuale del Fiume Po, del Consorzio della Bonifica Parmense e della Regione Puglia.

L’evento è stato patrocinato dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, dalla Società Idrologica Italiana, dal Gruppo Italiano di Idraulica e dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Cosenza.

Con questo evento la scuola italiana sulla difesa del suolo contribuisce a rispondere al bisogno di sicurezza e di sviluppo sostenibile del territorio che a gran voce continua a levarsi da tutti gli angoli del nostro Paese.

Articoli Correlati