“Pane e coraggio ci vogliono ancora che questo mondo non è cambiato, pane e coraggio ci vogliono ancora sembra che il tempo non sia passato” - Ivano Fossati
HomeCalabriaReggio CalabriaNel 2018 la morte di Antonino Saladino nel carcere di Arghillà: rigettata...

Nel 2018 la morte di Antonino Saladino nel carcere di Arghillà: rigettata richiesta di archiviazione per la terza volta in due anni

All’esito della camera di consiglio del 20.02.2024, il Gip del Tribunale di Reggio Calabria dott. Antonino Foti ha rigettato la richiesta di archiviazione avanzata dal p.m. nell’ambito del procedimento penale instaurato a seguito della morte di Antonino Saldino.

Si tratta del terzo rigetto alla richiesta di archiviazione in poco più di due anni.

La vicenda risale al marzo del 2018 quando il Saladino, all’epoca non ancora trentenne, si trovava ristretto in custodia cautelare presso il carcere di Arghillà. Le condizioni di salute del giovane, che secondo il racconto fornito dai compagni di cella già da diversi giorni accusava malesseri fisici e richiedeva visite mediche, precipitava il 18 marzo 2018 quando, dopo vari accessi in ambulatorio, il detenuto moriva presso l’infermeria del carcere reggino.

Già in passato, il Gip, per ben due volte, aveva restituito gli atti al p.m. rilevando la lacunosità delle indagini e sollecitando una serie di approfondimenti investigativi diretti a chiarire le cause del decesso e le modalità di gestione della malattia del Saladino da parte dei sanitari dell’istituto carcerario.

A distanza di sei anni dalla morte del giovane, il Gip, accogliendo i motivi di opposizione formulati dall’avv. Pierpaolo Albanese legale della famiglia Saladino, ha ordinato per la terza volta la prosecuzione delle indagini disponendo, tra l’altro, un nuovo esame sui reperti autoptici.

Articoli Correlati