“Si è sempre responsabili di quello che non si è saputo evitare” - Jean-Paul Sartre
HomeCalabriaCatanzaroMorgan a processo per stalking, il Lamezia International Film Fest annulla l'incontro...

Morgan a processo per stalking, il Lamezia International Film Fest annulla l’incontro con il musicista: “Contrari a ogni forma di violenza”

Il Lamezia International Film Fest, in seguito a quanto appreso nella giornata di ieri 10 luglio 2024, ha preso la decisione di annullare l’incontro con Marco Castoldi, in arte Morgan, previsto per la serata di apertura dell’undicesima edizione.

Il Lamezia International Film Fest – si legge in un comunicato stampa diffuso dall’organizzazione – ha sempre perseguito valori forti e molto chiari, contrari a ogni forma di violenza e di coercizione, circondandosi di associazioni e realtà sociali in linea con alcuni diritti fondamentali della persona a salvaguardia della sua dignità.

Il Lamezia International Film Fest non vuole con questa decisione entrare nel merito della vicenda giudiziaria, confida negli organi preposti e negli strumeti che lo Stato italiano possiede e mette a disposizione del cittadino e della Giustizia. Il nostro gesto non è da intendersi né come una condanna, né come una assoluzione. Il LIFF decide tuttavia di ribadire con forza la sua distanza da qualunque forma di violenza, e sceglie di annullare l’incontro con l’ospite della serata di apertura, in attesa che ogni fatto venga verificato dagli organi preposti.

Ideato e diretto da GianLorenzo Franzì, il LIFF – LAMEZIA INTERNATIONAL FILM FEST si terrà a Lamezia Terme dal 15 al 20 luglio 2024.

Tutto il programma, ad eccezione dell’incontro di apertura, è confermato.

LA VICENDA. Morgan è a processo per maltrattamenti e stalking nei confronti della ex fidanzata Angelica Schiatti, ora compagna del cantautore Calcutta, che lo ha denunciato quattro anni fa e ora lamenta di essere stata lasciata “sola” dalla giustizia.

“Fatti atroci” li ha definiti sui social Calcutta.

Prossima udienza, al tribunale di Lecco, il 13 settembre. E, dopo che il Fatto Quotidiano ha portato all’attenzione dei lettori la vicenda, pubblicando anche degli stralci di messaggi e chat, sono arrivate le prime conseguenze per Marco Castoldi, in arte Morgan: scaricato sia dalla Rai, che aveva messo in cantiere un programma con lui per l’autunno, sia dalla casa discografica Warner Music Italia.

Articoli Correlati