“La ragione che ci fa temere l'abisso, ci rende coraggiosi di fronte alle avversità e diffidenti dinanzi al farabutto che cerca di dare gatta per lepre” - Luis Sepúlveda
HomeCalabriaCalabriaSue e Sismi.Ca., ancora disservizi: gli ingegneri di Catanzaro ne chiedono la...

CalabriaSue e Sismi.Ca., ancora disservizi: gli ingegneri di Catanzaro ne chiedono la dismissione

Il presidente dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Catanzaro, Gerlando Cuffaro, ha inviato al presidente della Giunta regionale, Roberto Occhiuto, al presidente di Fincalabra, Alessandro Zanfino, e al dg del Dipartimento Infrastrutture, Claudio Moroni, una nota in cui si segnalano, ancora una volta, considerevoli criticità e disservizi legati alle piattaforme informatiche CalabriaSue e Sismi.Ca: «La piattaforma CalabriaSue continua a evidenziare malfunzionamenti e, quindi, permangono i disservizi che penalizzano i colleghi nello svolgimento dell’attività professionale; le ingiustificate lungaggini si riflettono, negativamente, sull’economia dei professionisti e dei cittadini. I tempi di attesa per l’accesso alla piattaforma sono da ritenersi assolutamente incompatibili con lo svolgimento della professione, con grave pregiudizio sia per i colleghi sia per la collettività, con ingente danno economico per tutti gli utenti e per i cittadini»,  scrive.

 

Cuffaro, riportando le testimonianze dei disservizi giunte all’Ordine, ha evidenziato: «Molti colleghi hanno segnalato a questo Ordine considerevoli e inaccettabili ritardi, come attese per il completamento dell’operazione indicate in cinque e addirittura in quarantanove anni, evidentemente dovute a inadeguatezza della piattaforma; numeri, questi, irridenti, che inducono a qualificare la situazione come grottesca».

 

Nel segnalare il perdurare dei disservizi anche sulla piattaforma Sismi.Ca. (che al momento, come CalabriaSue, risulta interessata da un intervento di manutenzione che ne limita accesso e funzionalità), il presidente Cuffaro ha ribadito la proposta già effettuata dall’Ordine nei mesi e negli anni precedenti: «Si consiglia di acquistare una piattaforma già da molti anni esistente e perfettamente funzionante ed in uso in altre regioni (evidentemente più virtuose); il tutto con considerevole – verosimile – risparmio economico rispetto ai costi che la Regione Calabria ha affrontato e sta affrontando per rattoppare una piattaforma che da sempre non ha mai funzionato in maniera compatibile con le esigenze dell’utenza».

 

«Perseverare con questa piattaforma informatica che (in pratica) non è risultata mai idonea – si conclude la lettera di Cuffaro –, rappresenta una sconfitta dell’istituzione regionale, in pregiudizio dei professionisti e dei cittadini, con grave danno alla collettività e all’economia del territorio. La presente segnalazione è da ritenersi quale diffida ad intervenire con sollecitudine per l’immediata risoluzione dei problemi di disservizi e malfunzionamento della piattaforma CalabriaSue, preannunciando, in caso contrario, ogni più opportuna azione di tutela dei colleghi, facendo salvo e impregiudicato ogni diritto di rivalsa per i danni patiti per gli interessi lesi».

 

Articoli Correlati