“Venite pure avanti, voi, con il naso corto, signore imbellettate, io più non vi sopporto infilerò la penna ben dentro al vostro orgoglio, perché con questa spada vi uccido quando voglio...” (Francesco Guccini, Cirano -
HomeCalabriaCassa integrazione guadagni: a gennaio 2024 autorizzate 49,1 milioni di ore

Cassa integrazione guadagni: a gennaio 2024 autorizzate 49,1 milioni di ore

Le ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate nello scorso mese di gennaio sono state 49,1 milioni, il 68,6% in più rispetto al precedente mese di dicembre (29,1 milioni) ed il 16,8% in più rispetto a gennaio 2023, nel corso del quale erano state autorizzate 42,0 milioni di ore.

Per quanto riguarda le singole tipologie di intervento, si registra quanto segue:

CIG ordinaria
Le ore di cassa integrazione ordinaria autorizzate a gennaio 2024 sono state 24,1 milioni. Nel precedente mese di dicembre erano state autorizzate 20,7 milioni di ore: di conseguenza, la variazione congiunturale è del +16,3%. Rispetto a gennaio 2023 (16,7 milioni di ore autorizzate) la variazione tendenziale è stata del +44,4%.

CIG straordinaria
Il numero di ore di cassa integrazione straordinaria autorizzate a gennaio 2024 è di 23,7 milioni (di cui 8,1 per solidarietà). La variazione congiunturale rispetto al mese precedente è pari a +219,2% (7,4 milioni di ore a dicembre 2023), mentre rispetto a quanto autorizzato nello stesso mese dell’anno precedente (23,5 milioni di ore) la variazione tendenziale è pari a +0,6%.

CIG in deroga
Gli interventi in deroga registrano valori residuali: nel mese di gennaio 2024 sono stati pari a 134mila ore, con una variazione congiunturale del +22,3% rispetto al mese precedente ed una variazione tendenziale del +498,1% rispetto a gennaio 2023 (22mila ore).

Fondi di solidarietà
Il numero di ore autorizzate a gennaio 2024 nei fondi di solidarietà è pari a 1,2 milioni e registra un incremento del +35,1% rispetto al mese precedente. Poiché nel mese di gennaio 2023 le ore autorizzate erano state 1,8 milioni, la variazione tendenziale è del -34,6%.

Articoli Correlati