“Ma è meglio poi, un giorno solo da ricordare che ricadere in una nuova realtà sempre identica” (Francesco Guccini, Scirocco -
HomeCalabriaCome rendere più accogliente una camera da letto

Come rendere più accogliente una camera da letto

La camera da letto è un luogo dove trascorriamo molte ore al giorno (un terzo della giornata circa); è la stanza che più di ogni altra è sinonimo di riposo e rilassatezza; è quindi giocoforza fare in modo che essa sia il più accogliente e confortevole possibile.

A tal proposito si possono adottare diverse strategie, alcune delle quali anche piuttosto facili da realizzare. Vediamo quindi alcuni dei suggerimenti più gettonati, ma prima di farlo vogliamo fornire un consiglio relativo a una questione molto dibattuta: tv in camera, sì o no?

Molti pensano che la tv in camera sia un’ottima idea per rendere più rilassante questo ambiente; in realtà è proprio il contrario; le regole di una buona igiene del sonno, infatti, sconsigliano la presenza di un tv in camera da letto perché può interferire negativamente sulla qualità del sonno e favorire anche l’insorgenza di insonnia. Un buon riposo notturno si basa anche sulla riduzione di stimoli acustici e visivi; è per questo che è anche sconsigliata la presenza di una consolle videogiochi o di un computer in camera da letto. Detto ciò, passiamo ai suggerimenti “positivi”.

Camera accogliente e riposante: qualche suggerimento

Partiamo da un suggerimento ormai classico: la colorazione delle pareti. È cosa nota che alcuni colori sono decisamente più riposanti di altri.

Premesso che la scelta del colore delle pareti deve anche armonizzarsi con l’arredo della stanza, è ormai assodato che la scelta di determinati colori può agevolare il riposo; il colore più riposante in assoluto sembra essere il blu tonalità carta zucchero; favoriscono il riposo anche tonalità abbastanza neutre che, peraltro, si abbinano spesso facilmente a vari tipi di arredamento; ci riferiamo in particolare ai colori beige, grigio chiaro, grigio scuro, sabbia e tortora. Se nessuno di questi ci è particolarmente gradito, si può restare sul classico bianco, anche se si deve considerare che un look total white può, paradossalmente, appesantire l’ambiente. Vanno comunque evitate le tinte troppo accese (rosso, arancione ecc.); il motivo è facilmente intuibile: hanno un effetto stimolante e, di conseguenza, sono poco riposanti. Nulla comunque vieta di inserire leggere note di colore nella camera con alcuni complementi d’arredo.

Altro fattore importante per rendere più accogliente la nostra camera è la scelta della biancheria da letto; le possibilità sono varie; si può scegliere per esempio tra morbide e comode trapunte eleganti come quelle che si possono visionare sul catalogo di Ferò, che propone biancheria di lusso, raffinata ed elegante, a prezzi accessibili. La trapunta è un capo di biancheria importante e molto comodo e regala anche alla stanza quel tocco di classe in più che la rende ancora più accogliente.

L’ultimo suggerimento riguarda l’illuminazione; la luce da prediligere è innanzitutto quella calda, decisamente più rilassante di quella fredda; l’ideale è una luce bianca calda che non vada oltre i 50 lux (i lumen per metro quadrato, ovvero la quantità di luce che arriva su un metro quadrato di superficie); le cose cambiano nel caso in cui la camera funga anche da studio; in questo caso occorre un’illuminazione maggiore.

Per quanto riguarda i corpi illuminanti, il più importante è il lampadario che però deve essere affiancato da abat-jour da mettere sui comodini.

Se invece il lampadario non è un’opzione gradita, si può optare per una serie di faretti oppure per una lampada a piantana (nota anche come lampada da terra); è una soluzione che può essere particolarmente elegante e che offre anche il vantaggio di poter regolare a piacimento il grado di illuminazione; si tenga conto che, generalmente, le lampade a piantana tendono a consumare più energia elettrica rispetto ad altre fonti di illuminazione.

Articoli Correlati