“Sai cosa si fa quando non se ne può più? Si cambia” - Alberto Moravia
HomeCalabriaFestival Euromed, Occhiuto sul rigassificatore: "Gioia Tauro è un'opportunità, aumenterebbe potere negoziale...

Festival Euromed, Occhiuto sul rigassificatore: “Gioia Tauro è un’opportunità, aumenterebbe potere negoziale dell’intero Paese”

“La sfida su Gioia Tauro l’ho avvertita subito nella sua importanza. Governo una Regione complicata, ma il mio compito è quello di tentare di risolvere i problemi, e allo stesso tempo anche quello di raccontare le opportunità.
Il porto di Gioia Tauro è il primo porto d’Italia, che negli anni si è sviluppato nell’indifferenza della politica nazionale e regionale. Ma è un porto solo di transhipment, che al momento non produce ricchezza per la Calabria”.
Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, intervenendo al Feuromed, primo Festival Euromediterraneo dell’Economia, in corso a Napoli.
“Il mio governo regionale ha iniziato a lavorare per superare questo stato di cose. Abbiamo fatto partire, grazie all’Autorità portuale, l’intermodalità: con treni che partono per Nola, per Bari, per Padova e Bologna. Abbiamo fatto il corridoio doganale.
I terminalisti stanno facendo grandi cose, ringrazio Grimaldi e Msc, ma non possono fare anche il nostro lavoro. Tocca alle autorità nazionali e a quelle regionali fare l’altro pezzo di strada, per far diventare i porti luoghi nei quali si possono sviluppare attività economiche nelle aree retroportuali.
Noi a Gioia Tauro abbiamo la Zes che sta funzionando bene, diamo le autorizzazioni in 5 giorni, quasi un miracolo al Sud. Il vantaggio delle Zes non è tanto nella parte fiscale, quanto nel fatto che sono anche zone logistiche speciali, nelle quali si possono semplificare tutte le procedure di insediamento delle aziende.
Anche su questo ci vorrebbe un investimento ulteriore”, ha sottolineato Occhiuto.

“Ci vorrebbe un intervento del governo nazionale, utilizzando magari anche fondi Ue, per fare insieme alla Regione Calabria un grande piano di attrazione degli investimenti per l’area retroportuale di Gioia Tauro”.

Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto.

”Questo hub logistico rappresenta un punto di forza per chi vuole insediare delle attività, perché siamo adiacenti ad un porto estremamente importante, ma se poi questi punti di forza non li concretizziamo attraverso iniziative di attrazione di investimenti, il porto di Gioia Tauro continuerà ad essere il primo porto d’Italia, ma solo per il transhipment.
Per questo sto chiedendo ai governi, a quello attuale e a quello precedente, di fare il rigassificatore a Gioia Tauro.

Iren e Sorgenia sono pronti a realizzarlo, hanno tutte le autorizzazioni, lo finanzierebbero loro. Deve solo essere qualificato quale infrastruttura strategica dal governo nazionale, e possiamo partire con i lavori.
Connesso al processo di rigassificazione ci sarebbe un’enorme piastra del freddo nella quale si potrebbe creare un grande hub dell’agroindustria per congelare i prodotti alimentari della Calabria, della Sicilia e della Campania.
Il governo nazionale dovrebbe volere il rigassificatore anche perché potrebbe produrre la metà del gas che prima importavamo dalla Russia, e se noi avessimo questa grande infrastruttura il tetto al prezzo del gas potremmo farlo noi, trattando con i Paesi dai quali esportiamo questa preziosa materia prima.
Il rigassificatore aumenterebbe enormemente il potere negoziale dell’Italia”, ha sottolineato Occhiuto.
Articoli Correlati