“Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualsiasi ingiustizia commessa contro chiunque in qualunque parte del mondo. È la qualità più bella di un rivoluzionario” - Ernesto “Che” Guevara
HomeAgoràAgorà Reggio CalabriaAumentano gli ingressi al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria. In visita...

Aumentano gli ingressi al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria. In visita anche Roberto Mirabile

Con l’arrivo della primavera aumenta il flusso di visitatori al Museo Archeologico Nazionale di Reggio, con una media di circa 500 ingressi al giorno. Tra le personalità attratte in questi giorni dai magnifici Bronzi di Riace e di Porticello, nonché dagli altri preziosi capolavori esposti al MArRC, c’è stato Roberto Mirabile, Presidente Fondatore dell’Associazione: “La Caramella Buona”, attiva dal 1997 a livello nazionale e internazionale nel contrasto della pedofilia, unica in Italia riconosciuta parte civile e tutela delle vittime in importanti processi penali a carico di pedofili e sex offender.

«Dopo i tragici anni della pandemia, finalmente le classi scolastiche tornano ad animare le sale del Museo – dichiara il direttore, Carmelo Malacrino. Si iniziano anche a registrare le prime presenze turistiche, in attesa dell’alta stagione estiva. Così come continua la forte attrazione dei Bronzi di Riace, che festeggiano il Cinquantesimo anniversario della loro scoperta. È stato un piacere avere tra gli ospiti di questi ultimi giorni il dott. Mirabile, protagonista dell’impegno nel contrasto della pedofilia».

Durante la visita Mirabile e il suo staff sono stati guidati dalla dott.ssa Maria Domenica Lo Faro, Funzionario Amministrativo del MArRC.

«La visita al Museo mi ha arricchito, perché mi ha riportato al giorno in cui, da bambino, vidi per la prima volta i Bronzi di Riace, in esposizione a Firenze, avvolti da quel fascino unico che li caratterizza comenta il presidente Mirabile. Ammirarli nuovamente, dopo anni, nella loro casa a Reggio Calabria, mi ha fatto riprovare le stesse emozioni di allora. Questa è la conferma che l’arte trasmetta eternità. Quindi, il mio grazie va al MArRC e alla città di Reggio Calabria, custodi di un patrimonio straordinario».

Articoli Correlati