“La libertà, Sancio, è uno dei doni più preziosi che i cieli dettero agli uomini… Quindi per la libertà come per l’onore si può e si deve rischiar la vita” - Cervantes – “Don Chisciotte”
HomeAgoràAgorà Reggio CalabriaReggio, al Museo Archeologico Nazionale la tavola rotonda di filosofia su...

Reggio, al Museo Archeologico Nazionale la tavola rotonda di filosofia su “La nuova alleanza, metamorfosi della scienza”

Ilya Prigogine e Isabella Stengers: la nuova alleanza, metamorfosi della scienza”. Questo sarà il titolo della tavola rotonda di filosofia promossa dal Centro Internazionale Scrittori della Calabria, che si svolgerà nella Sala Conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, sabato 25 marzo alle ore 17:00.

Dopo il saluto del Direttore del MArRC, Carmelo Malacrino, e di Loreley Rosita Borruto, presidente del CIS della Calabria, introdurrà il dibattito la Prof.ssa Paola Radici Colace, già Ordinario di Filologia Classica del Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università di Messina.

«Le scienze umane dichiara la prof.ssa Radici Colace non possono prescindere dall’idea di una rappresentazione grafica degli eventi sia a livello individuale sia a livello collettivo. Il tempo è una dimensione fondamentale dell’esistenza. Come riconciliare questa convinzione con le leggi fondamentali della fisica classica e quantistica, secondo cui il passato e il futuro sono intercambiabili? Da domande come questa – prosegue la Radici Colaceprende avvio la speculazione di Prigogine e Stengers, per una nuova definizione di quei fenomeni di irreversibilità e indeterminazione, davanti a cui la scienza classica subisce una battuta d’arresto. Ilya Prigogine e Isabelle Stengers sostengono invece nel volume “La nuova alleanza, metamorfosi della scienza” che le leggi hanno una direzione nel tempo: le caratteristiche di tutte le parti del sistema del mondo sono immutabili e le parti non fanno che svolgere in eterno le conseguenze di uno stato iniziale, imperfettamente conosciuto ma perfettamente conoscibile».

Durante l’incontro relazioneranno il prof. Giuseppe Gembillo, già Ordinario di Storia della Filosofia, Dipartimento COSPECS dell’Università di Messina, e il prof. Giuseppe Giordano, Ordinario di Storia della Filosofia e Direttore del DiCAM dell’Università di Messina. Verranno ripercorse le ricerche scientifiche di Prigogine e i suoi interessi in campo filosofico, evidenziando il legame che intercorre tra scienza e cultura, tra natura e uomo.

«Un nuovo appuntamento, che conferma la natura dinamica ed inclusiva del Museo, rendendo possibile il dibattito interdisciplinare con tematiche di grande interesse – dichiara il direttore del MArRC, Carmelo Malacrino. Ringrazio il Centro Internazionale Scrittori della Calabria per questa straordinaria collaborazione, che contribuisce ad arricchire la programmazione culturale del Museo, diffondendo conoscenza».

Al Museo si accede dal martedì alla domenica, con orario continuato, dalle 9:00 alle 20:00 (ultimo ingresso alle ore 19:30). L’ingresso è sempre gratuito fino ai 18 anni di età. Dai 18 ai 25 anni il biglietto costa solo 2 euro.

Articoli Correlati