“Chiunque sia un uomo libero non può starsene a dormire” - Aristofane
HomeAgoràAgorà CatanzaroAl Liceo Fiorentino di Lamezia Terme la "Giornata Internazionale contro la violenza...

Al Liceo Fiorentino di Lamezia Terme la “Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne”

Si è tenuto al Liceo Classico Artistico “Fiorentino” di Lamezia Terme un interessante incontro- assemblea sulla “”Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne”.  L’iniziativa è stata organizzata dalle professoresse: Alessandra Porchia e Lisa Minervini ed  ha coinvolto esperti del settore nelle persone della dottoressa Valentina Falvo, criminologo forense, la dott.ssa Maria Gaetana Ventriglia, commissario di Polizia di Stato presso il Commissariato di Lamezia Terme, le rappresentanti del Movimento “Non una di meno”, ovvero Antonella Costantino, Giulia Scardamaglia, Rosalba Iaquinta, ed infine Giuseppe Bagnato, talentuoso studente iscritto all’Accademia delle Belle Arti di Catanzaro, che ha mostrato al pubblico presente l’anteprima del  suo prezioso contributo video “artualità”.

La dottoressa Falvo ha, innanzitutto, inaugurato il Progetto Teca, con la sistemazione di una teca, rigorosamente “rossa”, in grado di offrire un’occasione di ascolto, anche in assoluto anonimato, alle richieste di aiuto da parte di chi dovesse trovarsi in una situazione di disagio relativa ad episodi di violenza fisica, psicologica o assistita diretta o indiretta. Successivamente ha illustrato aspetti della normativa relativa alla violenza di genere.

La dottoressa Ventriglia, invece, ha fatto il punto sulla situazione di incidenza del fenomeno all’interno del territorio lametino, esponendo la diversificata offerta d8 supporto che la Polizia di Stato assicura. Poi è stata la volta del Movimento “Non una di meno” che ha affrontato anche un breve spaccato di attualità internazionale, facendo riferimento alla situazione delle donne negli scenari di guerra e in Iran. L’ Assemblea è poi entrata nel vivo con la partecipazione attiva della scolaresca che ha posto interessanti quesiti agli ospiti intervenuti.

Insomma una bella e proficua occasione per sensibilizzare i giovani rispetto ad un fenomeno purtroppo attuale che ha tuttavia radici lontane e che è stato affrontato dai ragazzi con impegno e responsabilità.

Articoli Correlati