“Sai cosa si fa quando non se ne può più? Si cambia” - Alberto Moravia
HomeCalabriaReggio CalabriaMinori denunciati a Rizziconi, Marziale: "Una deriva irrefrenabile, risultato di 'genitori chattomani'...

Minori denunciati a Rizziconi, Marziale: “Una deriva irrefrenabile, risultato di ‘genitori chattomani’ e ‘scuola tecno-azienda’”

“Nell’apprendere dei tre minorenni che, a Rizziconi, sono stati denunciati per continue vessazioni nei confronti di un’anziana ultraottantenne, non posso che esprimere preoccupazione per una deriva irrefrenabile rispetto alla quale occorre porre rimedi”. Così il sociologo Antonio Marziale, Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione.

“Famiglia e scuola hanno fallito – aggiunge il Garante – ed il dato è inconfutabile, perché ad esse è affidato il mandato educativo. Episodi del genere, infatti, sono certamente da ascriversi alla voce ‘devianza minorile’, ma prima ancora alla voce ‘maleducazione’, che fa in fretta a diventare reato e dunque da perseguirsi nella misura più congrua. Se ne facciano una ragione i genitori, se ne faccia una ragione la scuola, entrambi impegnati a perseguire la famigerata innovazione tecnologica. Madri e padri più chattomani dei figli e scuola sempre più tecno-azienda”.

“Così – sostiene il sociologo – ad istruire bambini e adolescenti ci pensano i mass media, con i loro contenuti ‘acchiappalike’ dove è facile che una pornostar come Rocco Siffredi si proponga di impartire lezioni di educazione sessuale ed il bello, si fa per dire, è che tutto ciò viene rilanciato a titoloni finanche su telegiornali e quotidiani d’informazione fino a qualche anno fa considerati ‘vangelo’. Ecco il fulcro del problema, aver ceduto il timone del controllo ai media, incontrastati padroni dell’immorale morale contemporanea, che riescono finanche a vanificare, per mancata applicazione, leggi e protocolli di Stato promulgati per contenere gli eccessi in nome della tutela dei minori”.

“I genitori – sottolinea ancora Marziale – tornino ad esercitare la responsabilità sui figli. Sono loro da sanzionare se omettono e la scuola si innovi in termini di contenuti. Educazione ai media e educazione sessuale sono discipline da istituire immediatamente come materie fondamentali, curriculari, il cui insegnamento sia affidato a docenti davvero preparati in materia e non ad avventori in qualche ora di convegno utile ad appiccicare chewing gum sotto i banchi dopo ore di annoiata masticazione”.

Articoli Correlati