“L'arte di non sapere, che non dev'essere confusa con l'ignoranza, perchè gli ignoranti non sono responsabili della loro triste condizione, nasce da un'idea autolatra ed egocentrica del mondo e della società” - Luis Sepúlveda
HomeCalabriaReggio Calabria"Cemetery boss", le mani delle cosche sul quartiere Modena di Reggio Calabria:...

“Cemetery boss”, le mani delle cosche sul quartiere Modena di Reggio Calabria: 2 condanne e 5 assoluzioni in Appello

Sono stati assolti cinque dei sette imputati che, in primo grado, erano stati condannati. Il processo “Cemetery boss” si è concluso così davanti alla Corte d’Appello di Reggio Calabria presieduto dal giudice Giancarlo Bianchi.

Il processo, celebrato con il rito abbreviato, è nato da un’inchiesta della Dda di Reggio Calabria sulle frizioni tra la cosca Rosmini e gli Zindato per il controllo del territorio di Modena, un quartiere della zona sud della città dello Stretto.

Gli unici condannati sono Franco Giordano (10 anni e 4 mesi di carcere), ritenuto il “capo società” della cosca Rosmini, e Natale Crisalli (6 anni e 8 mesi). Quest’ultimo, in primo grado era stato condannato a 14 anni di reclusione, mentre a Giordano il gup aveva inflitto 13 anni.

È caduta l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso per gli altri cinque imputati che nel primo processo avevano rimediato condanne tra i 7 anni e 4 mesi di carcere e gli 11 anni 8 mesi. Sono stati assolti, infatti, “per non aver commesso il fatto” Giuseppe Anghelone, Demetrio Missineo, Rocco Richichi, Massimo Costante e Salvatore Claudio Crisalli. Quest’ultimo, difeso dagli avvocati Marco Gemelli e Giuseppe Mazzetti, era stato condannato in primo grado come capo promotore per associazione mafiosa quale membro apicale della cosca Rosmini.

Articoli Correlati