“La falsità è la verità degli altri” - Oscar Wilde
HomeCalabriaCatanzaroDa AGENAS arrivano buoni dati per la cardiochirurgia universitaria di Catanzaro

Da AGENAS arrivano buoni dati per la cardiochirurgia universitaria di Catanzaro

Ieri, in diretta streaming sui canali social del Ministero della Salute, sono stati presentati i risultati dell’Edizione 2022 del Programma Nazionale Esiti (PNE) alla presenza del Ministro della Salute, Orazio Schillaci. I dati resi pubblici dall’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (Age.Na.S.) prendono in esame, nell’ambito della Cardiochirurgia, i volumi dei ricoveri e gli indici di mortalità per due procedure quali il bypass aorto-coronarico isolato e il trattamento chirurgico delle patologie valvolari cardiache isolate e la Cardiochirurgia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Mater Domini” di Catanzaro, diretta dal professor Pasquale Mastroroberto, si conferma per risultati di ottimo livello e nella media nazionale.
Sono dati con ulteriori miglioramenti rispetto alle ultime edizioni PNE da noi presentati il 25 novembre nel report sui 10 anni di attività assistenziale integrata con didattica e ricerca – afferma Mastroroberto – con un eccellente risultato in termini di volumi e con processi/esiti assolutamente nella media nazionale. Altro elemento di grande importanza introdotto quest’anno da AGENAS è stata la valutazione combinata, nell’ambito del bypass aortocoronarico, tra volumi (almeno 200 interventi/anno secondo il DM 70/2015) e mortalità a 30 giorni (inferiore al 3%), valutazione che ha permesso alla Cardiochirurgia dell’A.O.U. “Mater Domini”di essere inserita tra le 15 strutture sopra soglia su 101 cardiochirurgie italiane pubbliche e private accreditate. Nel 2021 il numero di interventi di bypass aortocoronarico isolato è stato pari a 208 rispetto ai 140 del 2020 mentre per la chirurgia valvolare isolata il numero dei ricoveri è stato di 258 nel 2021 rispetto ai 155 del 2020 con mortalità a 30 giorni in entrambi i casi al di sotto (vedi bypass aortocoronarico) o nella media nazionale (vedi chirurgia valvolare).”
Ultima annotazione – continua Mastroroberto – su cui è necessaria una profonda riflessione, è legata ai “flussi regionali”: su 442 residenti in Calabria che hanno necessitato nel 2021 di intervento di bypass aortocoronarico, 324 (73.3%) hanno scelto di farsi operare in regione e di questi 206 (46.6%) nella Cardiochirurgia Universitaria mentre, per la chirurgia valvolare, su 981 residenti, 453 (46.2%) si sono rivolti a strutture regionali e di questi 255 (26%) alla A.O.U. “Mater Domini”. Questi ultimi dati ci indicano come il lavoro da fare per ridurre la mobilità sanitaria passiva è ancora lungo anche se, a mio avviso, siamo sulla buona strada.”
Questi risultati – conclude Mastroroberto – certificati da AGENAS e ottenuti con notevoli sacrifici da parte di tutto il personale medico, infermieristico e tecnico, hanno contribuito ad un costante incremento dei volumi per cui per la fine di quest’anno sarà raggiunta e superata la soglia dei 450 interventi.”
Articoli Correlati