“Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualsiasi ingiustizia commessa contro chiunque in qualunque parte del mondo. È la qualità più bella di un rivoluzionario” - Ernesto “Che” Guevara
HomeCalabriaTavernise (M5S): "FdI continua a cadere in contraddizione. Antoniozzi critica il Superbonus,...

Tavernise (M5S): “FdI continua a cadere in contraddizione. Antoniozzi critica il Superbonus, che ha creato un milione di posti di lavoro”

“Pur di attaccare il Movimento 5 Stelle e Giuseppe Conte, gli esponenti di Fratelli d’Italia continuano a cadere in contraddizione. Questa volta è toccato al vice capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Alfredo Antoniozzi, prendere la parola per sbeffeggiare il Superbonus, misura che in due anni ha fatto schizzare il Pil all’11% e ha creato un milione di posti di lavoro, senza contare i benefici ambientali apportati con l’importante riduzione delle emissioni di CO2 nelle nostre città”.

Lo afferma, in una dichiarazione, il capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, Davide Tavernise. “Mi preme ricordare al deputato – aggiunge Tavernise – che non ha mai prodotto il benché minimo atto a favore della nostra regione seppur eletto con i voti dei calabresi, che nel 2022 Fratelli d’Italia chiedeva a gran voce di estendere e prorogare quella stessa misura che oggi critica aspramente, evidentemente per nascondere i fallimenti del governo. È politicamente impossibile accettare lezioni da un centrodestra prono alle politiche di austerità, che aiuta le imprese lasciando indietro larghe fasce di popolazione alle prese con il carovita e con lo spettro della recessione. Un governo che ha abolito il reddito di cittadinanza ed acuito le diseguaglianze sociali non può permettersi di accusare il Movimento 5 Stelle di aver favorito i ricchi, semmai tutto il contrario. Siamo pronti ad affrontare le elezioni europee smontando pezzo per pezzo la propaganda del governo e del partito di Meloni, nella consapevolezza che i cittadini sapranno salvaguardare i propri interessi e riconoscere le giravolte opportunistiche dei partiti di destra”.

Articoli Correlati