“Ti accorgerai com'è facile farsi un inutile software di scienza e vedrai che confuso problema è adoprare la propria esperienza” - Francesco Guccini, Culodritto
HomeCalabriaLegge regionale sulla piena accessibilità delle persone sorde alla vita collettiva. Mancuso:...

Legge regionale sulla piena accessibilità delle persone sorde alla vita collettiva. Mancuso: “Massima attenziona alla disabilità”. Mirijello: “Un impegno onorato dal Consiglio”

“Il Consiglio regionale ha onorato un impegno assunto lo scorso anno dal suo presidente, Filippo Mancuso, che ringrazio a nome dell’Ente Nazionale Sordi (ENS). Così come ringrazio, per la sensibilità dimostrata, il Gruppo della Lega a Palazzo Campanella, che ha proposto il testo di legge, e l’intero Consiglio che l’ha approvato all’unanimità”.

È quanto asserisce il presidente regionale dell’ENS Antonio Mirijello, che ha incontrato il presidente Mancuso dopo l’ok del Consiglio regionale alla legge recante “Disposizioni per l’inclusione sociale, la rimozione delle barriere e il riconoscimento e la promozione della lingua dei segni e la piena accessibilità delle persone sorde alla vita collettiva”.

Aggiunge Mirijello: “La sinergia fra il Consiglio regionale e l’ENS, ci consentirà di illustrare questa ottima notizia al convegno (1° dicembre ore 9.00 Sala Oro della Cittadella regionale) dedicato alla Giornata Internazionale dei Diritti delle persone con disabilità dal titolo ‘I diritti inviolabili delle persone sorde e delle persone sorde con più disabilità.

Per il presidente Mancuso: “Grazie alla condivisione di tutte le forze politiche, l’Assemblea legislativa, anche in questa circostanza, dimostra di voler celebrare le ricorrenze, specie quelle in cui c’è da tutelare i diritti delle fasce sociali più fragili, con provvedimenti legislativi e amministrativi concreti. La nuova legge, infatti, intende favorire sostanzialmente l’accesso delle persone sorde, sordocieche e con disabilità uditiva in generale, in condizioni di parità con gli altri cittadini, alle attività formativo-educative e culturali, alle informazioni ed ai servizi pubblici regionali”.

Articoli Correlati