“Si è sempre responsabili di quello che non si è saputo evitare” - Jean-Paul Sartre
HomeCalabriaElezioni, Ferrara (M5S): "La Calabria ha votato per chi si è occupato...

Elezioni, Ferrara (M5S): “La Calabria ha votato per chi si è occupato delle sue esigenze”

«Il Movimento 5 stelle gode di ottima salute anche e soprattutto in Calabria dove si attesta come prima forza politica».

Così in una nota l’eurodeputata Laura Ferrara, all’indomani dei risultati delle elezioni politiche. 

«I calabresi hanno rinnovato la propria fiducia nel Movimento 5 stelle e nel presidente Giuseppe Conte facendo registrare un risultato più che soddisfacente seppur non sufficiente a sconfiggere la destra capeggiata da Giorgia Meloni.

Forti di questo 29% avremo quattro parlamentari a rappresentare la nostra Calabria e pronti a difendere i nostri valori e principi costituzionali: al Senato Roberto Scarpinato, già Procuratore generale a Palermo, alla Camera è stato premiato e riconfermato il lavoro di Riccardo Tucci, Vittoria Baldino e Anna Laura Orrico che, contro ogni pronostico, vince nel collegio uninominale Cosenza-Tirreno considerato blindato per il centrodestra che vi ha candidato il figlio, nipote e cugino d’arte nonché deputato uscente di Forza Italia, Andrea Gentile.

Sbagliano i fumosi analisti politici ad attribuire tale investitura al solo fatto di aver introdotto una misura di dignità e civiltà, quale è il Reddito di cittadinanza. Il Sud si è sentito finalmente rappresentato in questi anni. Nell’agenda politica nazionale hanno trovato spazio temi urgenti legati ai nostri territori. Alcune annose problematiche e criticità sono state addirittura risolte. Penso al rilancio del Porto di Gioia Tauro, alla stabilizzazione degli Lsu/Lpu, decontribuzione per chi assume al Sud, i Cis in Calabria e i 90 milioni di euro per il centro storico di Cosenza. Non basta e ne siamo assolutamente consapevoli ecco perché continueremo a contribuire a superare il divario nord-sud e a realizzare un processo riformatore basato finalmente sulla crescita economica, non assistenziale e clientelare, di tutto il sud» conclude Ferrara.

Articoli Correlati