“L'arte di non sapere, che non dev'essere confusa con l'ignoranza, perchè gli ignoranti non sono responsabili della loro triste condizione, nasce da un'idea autolatra ed egocentrica del mondo e della società” - Luis Sepúlveda
HomeBasketPallacanestro Viola, Simonetti: "Noi della Myenergy siamo un gruppo vero, pronti a...

Pallacanestro Viola, Simonetti: “Noi della Myenergy siamo un gruppo vero, pronti a dare il massimo e sorprendere ancora”

Ilario Simonetti, aitante atleta della Myenergy ha fatto il punto sul momento ed i prossimi obiettivi del club in campionato.

Come sta questo gruppo?

“Siamo tranquilli, siamo tutti tranquilli.
Ci può stare una partita no.
Stiamo lavorando con cura.
Abbiamo già la testa alla seconda fase. Vogliamo farci trovare pronti e far bene per il pubblico di Reggio Calabria”.

Che ne pensi della seconda fase?

“Sarà una bella seconda fase, a mio avviso ci sarà da divertirsi.
Noi abbiamo la giusta mentalità.
Il livello sarà altissimo, ad ogni partita e siamo pronti a competere”.

I tuoi compagni dicono che sei il leader fuori dal campo, tutto vero?

“Il nostro è un gruppo compatto ed omogeneo.
E’ la nostra forza.
Siamo sempre insieme, che si vinca o che si perda, dentro o fuori dal campo, dagli Under ai più grandi: siamo un gruppo meraviglioso.”

Tocca giocare partita per partita?

“Ci siamo parlati.
Questo è l’obiettivo provare a vincerle tutte”.

Qualcuno ha detto, questa è una di quelle stagioni che, comunque vada, verrà ricordata con nostalgia a luglio. Che ne pensi?

“Si.
All’inizio dell’anno non ci conosceva nessuno.
Siamo giovani.
Non eravamo quotati.
Ad oggi, abbiamo fatto divertire: con Ragusa, vedere un pubblico del genere, una sorta di record italiano, non è da tutti”.

Le prossime avversarie?

“E’ ancora presto ma stiamo già vedendo qualcosa.
Siamo molto preparati e vogliamo metterci tutto quello che abbiamo: secondo me sarà un nuovo girone con estremo equilibrio.
Saranno partite d’altissimo livello”.

Il momento più bello fin’ora vissuto?

“La gara di Capo D’Orlando è un bell’esempio.
Avevamo voglia di riscattarci dopo la sconfitta di andata dove eravamo orfani di Tyrtyshnyk.
Fuori dal campo non c’è un momento: ogni giorno è bellissimo.
Il popolo di Reggio sta dimostrando di volerci bene”.

Articoli Correlati