“Pane e coraggio ci vogliono ancora che questo mondo non è cambiato, pane e coraggio ci vogliono ancora sembra che il tempo non sia passato” - Ivano Fossati
HomeAltri sportEccellente la prestazione della Fortitudo 1903 ai Campionati Italiani di karate

Eccellente la prestazione della Fortitudo 1903 ai Campionati Italiani di karate

Anna Chiara Chirico si è classificata quinta ed inclusa tra gli “Atleti di interesse nazionale”.

Si è disputato dall’1 al 3 marzo presso il Centro Olimpico “Matteo Pellicone” di Ostia Lido il Campionato Italiano Cadetti di Karate riservato agli atleti nati negli anni 2009 e 2010. Hanno preso parte alla manifestazione 888 atleti e 413 Coach che si erano qualificati nelle rispettive regioni per partecipare alla finale nazionale nella specialità Kata (forme) e Kumite (combattimenti).

Gli atleti della “Fortitudo 1903” di Reggio Calabria qualificati nella specialità Kumite: Barbara Ambrosiano, Giuliana Amodeo, Michele Barbaro, Filippo Bizzintino, Anna Chiara Chirico, Antonino Cuzzocrea, Luca Di Marno, Ettore Forgione, Francesca Forgione, Micheal Mollica, Sergio Zagami sono stati seguiti in gara dalle Coach Alessandra Benedetto e Rossella Zoccali. Il livello tecnico della manifestazione è stato altissimo ed ha visto la presenza di atleti che avevano da poco conquistato medaglie ai campionati europei giovanili.

La gara ha permesso agli “amaranto” della “Fortitudo 1903” di confrontare la propria preparazione ed i risultati conseguiti sono da ritenersi eccellenti. Luca Di Marno ha superato due turni ed ha pareggiato il terzo incontro perdendo per giudizio arbitrale, identico risultato per Antonino Cuzzocrea. Gli altri atleti della “Fortitudo 1903” hanno perso al secondo round di gara, tranne Anna Chiara Chirico che, nella categoria di peso -68 kg, ha disputato una  superba prestazione superando tre turni e conquistando la finale di poule.

Anna Chiara Chirico ha perso di misura il successivo incontro con la campionessa Anna Chiara De Vivo. Svanita l’opportunità di disputare la finale per il titolo italiano, Anna Chiara Chirico ha disputato la finale per la “medaglia di bronzo” ma è stata sconfitta dalla sfortuna, una tecnica da due punti portata a segno al busto dell’avversaria, che le avrebbe permesso di gestire il combattimento diversamente, è stata segnalata da un solo arbitro (per essere assegnata devono essere minimo due). Neanche la VAR ha permesso di far acquisire i due punti ad Anna Chiara Chirico perché nel video un arbitro copriva la visuale.  L’atleta della Fortitudo, pertanto, si è dovuta accontentare del quinto posto rientrando tra gli “atleti di interesse nazionale” che saranno convocati al 1° Raduno con la nazionale italiana giovanile.

La “Fortitudo 1903” presieduta dal Prof. Riccardo Partinico si è classificata nella graduatoria nazionale al 17° posto nella classifica femminile ed al 27° posto in quella maschile su 338 società partecipanti.

Articoli Correlati