“Gli errori sono allegri, la verità è infernale” - Albert Camus
HomeAltri sportLa Tonno Callipo sbanca Pizzo e vola a +7

La Tonno Callipo sbanca Pizzo e vola a +7

A colorare il ‘PalArcobaleno’ di Pizzo ieri erano soprattutto il giallo ed il rosso della capolista indiscussa Tonno Callipo, impostasi con forza per 3-0 e distanziando così ancor di più le napitine, ora a -7 da Suelen e compagne. In un clima festoso ed accogliente, con grande ospitalità da parte della società di casa riservata al presidente Callipo ed alla squadra di Boschini, sia all’annuncio delle formazioni che alla fine della contesa, si è assistito a quasi un’ora e mezza di piacevole spettacolo, animato anche sugli spalti dalle opposte tifoserie, colorate e rumorose a suon di tamburi per le rispettive squadre.

L’ha spuntata Vibo che sta dominando questa Serie C a suon di vittorie, che ora sono 16 e tutte per 3-0! Onore e merito anche a Pizzo che, specie nel secondo set, ha tenuto testa alla quotata Callipo, brava a chiuderla – dopo che si era sul 21-23 – con un colpo di classe del suo capitano Denise Vinci, abile a trovare la deviazione del muro avversario e poi a mettere il sigillo con un altro colpo di qualità, un primo tempo della brasiliana Macedo.

Il match in un ricolmo Palasport, una sorta di spot per la pallavolo calabrese, ha visto il solito sestetto iniziale per Vibo con la diagonale Salimbeni-Suelen, Macedo e Cellamare al centro, Denise Vinci e Milazzo in banda, Darretta libero. Pronti via e la Tonno Callipo ingrana subito la sesta: 6-1 con un muro di Cellamare che costringe il coach Monopoli a chiamare il primo di una lunga serie di time out, alla fine però ininfluenti a fermare lo strapotere di Vibo. Si prosegue con Milazzo che con due dei tre ace personali, porta avanti Vibo sull’11-3. Pizzo arranca seppur sospinto dai suoi tifosi. In sequenza Macedo, Denise Vinci e un ace dell’ottima Salimbeni (anche ieri ha diretto alla perfezione la sua orchestra di centrali e attaccanti, col costante supporto di Darretta in seconda linea) portano il vantaggio a +11 (17-6). Coach Monopoli ci prova con gli ingressi di Malerba e Meleca, ma è Vibo che fa stropicciare gli occhi con un‘ottima pallavolo, in cui ancora emergono Denise Vinci con una pipe e poi la top scorer di serata Milazzo che la chiude con un ace. Di fatto concessi soltanto 10 punti alle locali.

Nel secondo set sembra di assistere al replay del primo: Vibo avanti 6-1, con ancora Cellamare superlativa a muro, alla fine saranno ben 6 sui 9 punti realizzati, a coronamento dell’ottima prestazione della centrale pugliese. Quindi +5 con Denise (13-8) e poco dopo un parziale di 3-0 fino al 18-11 che costringe ad un altro time out locale. Da qui in avanti però Vibo inizia a traballare un po’. I bravi attaccanti locali, Kliazovich e De Luca, sono abili a schiacciare spesso sopra il muro giallorosso trovando la seconda linea scoperta. Così stavolta è Pizzo ad infilare un parziale di 4-0 fino al 15-19. Il set si infiamma, il palasport è una bolgia. L’attacco giallorosso ha qualche passaggio a vuoto, la battuta giallorossa (alla fine 4 ace totali, gli stessi di Pizzo) non è più incisiva, al contrario un ace di Cirifalco porta sul 21-23. E’ il momento topico del set e dell’intero match. Ecco allora spuntare l’esperienza e la concretezza del capitano Vinci: come anzidetto, piazza un attacco letale e dopo un primo set-point annullato da De Luca, la maestosa Macedo sigilla il doppio vantaggio con un primo tempo vincente, dopo mezz’ora di gioco. 2-0 Vibo e match in discesa. Infatti nel terzo set è sempre la Tonno Callipo a partire lancia in resta. In apertura due giocate d’alta scuola: la consueta ben congegnata pipe di capitan Vinci, e la pregevole alzata all’indietro ancora di Salimbeni per l’acuto vincente di Suelen. Vibo comanda senza problemi: il vantaggio resta sempre ampio, diventa di +6 sul 13-6, ed aumenta a +13 (20-7) con una intelligente lettura a muro di Cellamare. C’è gloria anche per la giovane Scibilia che entra per Suelen e si produce in un bel recupero, ma uno dei colpi che da soli varrebbero il prezzo del biglietto, è il 23-11 di Suelen, che in ricaduta con un tocco flot quasi magico riesce a rimandare dall’altra parte in modo vincente. Sussulto locale con un paio di match-point annullati, e quindi la chiude definitivamente la solita Denise con un diagonale che fa esultare la Fossa Giallorossa presente sugli spalti. Alla fine festa ed esultanza giallorosse meritate! Ma onore e merito anche a Pizzo ed alla sportività del suo pubblico.

INTERVISTA. Più gasato del solito coach Boschini a fine gara, perché sa di aver staccato forse la maggiore concorrente per il primo posto, ora Vibo guida con 48 punti, Pizzo resta a quota 41. “Partirei in primis – spiega il tecnico della Tonno Callipo – dai complimenti a Pizzo perché non è mai scontato vincere né affrontare partite di questo genere. E’ vero che questa partita ha un sapore un po’ particolare perché è un derby tra due squadre vicine, ma soprattutto perché ci mette nel clima play off, o comunque di una gara finale in gara secca ed in campo neutro. Sicuramente è stata una dimostrazione di forza da parte delle ragazze, a cui vanno i miei sinceri complimenti, perché hanno saputo affrontare la partita, mantenendo la lucidità e la freddezza necessarie ed essendo anche spietate nei momenti di massima difficoltà. In particolare nel secondo set, quando c’è stata qualche defaillance da parte nostra tra la battuta e la difesa, lì qualcosa non ha funzionato”. In quel momento, 21-23, hai avuto qualche timore? “Onestamente ho piena fiducia nella mia squadra: nessun timore! Anche se fossimo stati sul 23 pari avrei avuto fiducia fino in fondo nelle mie ragazze, perché sono un gruppo eccezionale e straordinario. Anche bellissimo da allenare, quindi non posso che dare fiducia alla loro costanza, dedizione, passione e amore per questo sport ed anche ieri penso che l’abbiano dimostrato con la cattiveria e la grinta agonistica giusta. Ci sono stati – evidenzia Boschini – alcuni passaggi di pallavolo veramente di altro ed alto livello. Ed è il frutto di mesi di lavoro, di costante dedizione ogni giorno in palestra a lasciare lacrime e sangue”. Siete a sedici vittorie senza perdere un set: ma quest’estate quando iniziavi a modellare questa ‘corazzata’ te l’aspettavi di essere a questo punto? “Sicuramente lo speravo ed anche lo credevo perché se nelle cose non ci si crede non si avverano. Poi è chiaro che c’è la realtà, quindi man mano che cresceva la nostra consapevolezza aumentava anche la forza e la capacità di essere gruppo e squadra. Quindi tutto ciò porta a fare risultati di questo genere”. Menzione particolare per qualcuno? “Non saprei proprio chi scegliere: direi tutte! L’ho ripetuto questa settimana alla squadra: il campionato lo vincerà non chi ha la giocatrice più forte, ma chi è squadra vera e propria. E noi lo siamo – sottolinea Boschini -, e questo è proprio molto bello. Perché ti permette di lavorare con la piena fiducia e la totale consapevolezza di poter arrivare in alto e fare quello che ci siamo prefissati ad inizio campionato”. Mentre prossima settimana ospiterete la Pink in un match che appare agevole, può dirsi che l’avversario più pericoloso della Tonno Callipo è se stessa? “Sì, ieri sera l’abbiamo dimostrato, nel senso che i parziali del primo e terzo set lasciano poco spazio a repliche. E’  chiaro però che quando caliamo anche un pò, come nel secondo set, ci può essere qualche sbandamento per cui bisogna evitarlo. Se riusciamo in campo a trovare questa continuità in tutti e tre i set, lì significherà che avremo fatto un’ulteriore crescita come squadra. Ovviamente questo se vogliamo vedere il bicchiere mezzo vuoto, ma onestamente è difficile trovarlo dopo una gara di questo genere. Permettimi  – conclude Boschini – un ringraziamento speciale alla società che ci sta supportando in tutti i modi possibili, ma soprattutto al nostro eccezionale pubblico giallorosso che ci ha sostenuto, anche ieri, in questa trasferta con una forza dagli spalti che ci ha permesso di fare la grande prestazione che abbiamo fatto”.

MARPESCA LORY VOLLEY PIZZO-TONNO CALLIPO VOLLEY VV 0-3

(11-25, 22-25, 13-25)

 

PIZZO: De Agazio, De Luca, Flores, Kliazovich, Cirifaco (L), Malerba, Meleca, Michienzi, Nava, Sabato. Ne: Sarlo (L2), Capocasale, Caronzolo.  All. Monopoli

TONNO CALLIPO: Salimbeni 5, Suelen 8, Macedo 5, Cellamare 9, D.Vinci 11, Milazzo 12, Darretta (L), M.Vinci, Landonio. Ne: Fiorini, Piarulli. All. Boschini

Arbitri: Alessandro Dicerto e Domenico De Carlo

Note: durata set: 21’, 30’, 23’, totale un’ora e 14 minuti. Pizzo: ace 4, bs 11; Vibo: ace 4, bs 5.

Articoli Correlati