“Ho imparato così tanto da voi, Uomini... Ho imparato che ognuno vuole vivere sulla cima della montagna, senza sapere che la vera felicità sta nel come questa montagna è stata scalata” - Gabriel Garcia Marquez
HomeAgoràAgorà Vibo Valentia"A scuola di inclusione", il Comune di Vibo sposa il progetto delle...

“A scuola di inclusione”, il Comune di Vibo sposa il progetto delle associazioni che vogliono aprirsi ai giovani del territorio: appuntamento venerdì all’Ipseoa “Gagliardi”

Promuovere le attività delle associazioni presenti sul territorio vibonese e farle conoscere ai giovani, per far sì che possano avvicinarsi a quelle realtà che operano nel sociale e che magari riscontrano i loro interessi o le loro attitudini, per innescare un percorso di crescita sociale che dai ragazzi possa giungere all’intera collettività. Con questo obiettivo si terrà un incontro dal titolo “A scuola di inclusione”, promosso da alcune associazioni del territorio e sposato dall’amministrazione comunale, assessorato alle Politiche sociali, che ha patrocinato l’evento, in collaborazione, in questa occasione, con l’Istituto Alberghiero.
L’appuntamento è per venerdì 19 gennaio alle ore 9 nella sede dell’Ipseoa “Gagliardi”. Dopo i saluti istituzionali del sindaco di Vibo Valentia, Maria Limardo, della dirigente scolastica e padrona di casa, Eleonora Rombolà, del garante della disabilità, Massimo Barbieri, moderati dall’assessore alle Politiche sociali, Lillo Scionti, vi saranno gli interventi dei rappresentanti delle tre associazioni promotrici: Michele Napolitano (La Goccia); Giuseppe Bartucca (Uici Vibo Valentia); Rosa De Caria (Unitalsi).
“Auspichiamo che questo sia il primo di una serie di appuntamenti cui l’amministrazione comunale vuole partecipare – afferma l’assessore Scionti – accogliendo di buon grado la proposta e l’invito delle associazioni che manifestano la necessità di farsi conoscere maggiormente, specie dai giovani. Noi come Comune ci mettiamo a disposizione di tutte queste realtà, che rappresentano un reale valore aggiunto per la crescita della società, affinché il terzo settore si affermi sempre di più quale interlocutore imprescindibile per gli enti e le istituzioni”.
Articoli Correlati