“La verità non muore mai” - Seneca
HomeAgoràIncontro con Sandro Ruotolo

Incontro con Sandro Ruotolo

«Dai viaggi della speranza al Nord al disastro nella gestione della sanità calabrese. Il 14 per cento dei calabresi rinuncia alle cure, i Livelli essenziali di assistenza non sono mai stati così bassi. Ciò a testimonianza che la sanità di questa regione è al di sotto degli standard minimi da raggiungere per garantire il diritto alla salute. Sandro Ruotolo, in questi giorni in Calabria, ha avuto modo di poter osservare con i suoi occhi gli effetti di un commissariamento che dura ormai da oltre 14 anni. E ha ragione quando afferma che “bisogna accendere i riflettori sul caso Calabria. E sul modo in cui questa destra sta gestendo la sanità spostando tutto l’asse verso il privato. L’Europa se ne dovrà occupare”. La situazione, infatti, è ormai fuori controllo, i fondi europei continuano a non essere spesi, i decreti del commissario ad acta restano sulla carta». È quanto afferma il presidente del Consiglio del Comune di Cosenza, Giuseppe Mazzuca, in merito all’incontro avuto con il giornalista e senatore del Pd, Sandro Ruotolo. Tra i diversi temi affrontati non poteva mancare la sanità. «Sandro Ruotolo – spiega Giuseppe Mazzuca – conosce bene Cosenza e la Calabria, ha avuto modo di constatare che i benefici di questo commissariamento sono stati nulli nonostante l’aumento dei poteri del commissario. Mentre sul nuovo ospedale di Cosenza nulla si muove, l’Annunziata è ormai al collasso e si fa di tutto per tamponare la carenza dei medici e del personale sanitario. Così come quella dei posti letto, previsti nel Dca ma mai attivati. La realtà, infatti, è ben diversa da quella raccontata dal commissario Occhiuto che dovrebbe prendere atto della sua gestione fallimentare. Anche Ruotolo ammette che è “come se lo Stato avesse alzato bandiera bianca”. Si occupò della “questione Calabria” da giornalista, così come da politico e oggi, candidato del Pd alle elezioni europee nel Collegio Sud, sono certo che possa davvero fare in modo che l’Europa apra gli occhi su quello che accade nella nostra regione».

Articoli Correlati