“Mi sono scocciato di sottostare alla legge del vivere civile che ti assoggetta a dire sì senza convinzione quando i no, convintissimi, ti saltano alla gola come tante bolle d’aria” - Eduardo De Filippo
HomeCalabriaReggio CalabriaPorti, presidente Mega: "Per Stretto investimento da 72 milioni di euro"

Porti, presidente Mega: “Per Stretto investimento da 72 milioni di euro”

Il presidente dell’Autorita’ Portuale dello Stretto, Mario Paolo Mega, ha illustrato nel corso di una conferenza stampa i programmi di sviluppo dei porti dell’Area dello Stretto di Messina. Presenti il segretario generale dell’Autorita’ di sistema, Domenico Latella, e il membro del Comitato di gestione dell’organismo, Alberto Porcelli, Mega ha reso noto il piano di investimenti per circa 72 milioni di euro – “tutti disponibili”, ha sottolineato – per importanti opere di ristrutturazione e rilancio delle aree portuali delle due sponde dello Stretto. “Voglio ringraziare tutti per la solidarieta’ che mi e’ stata data all’indomani delle frasi di minaccia e ingiuriose – ha detto Mega – apparse nei porti di Messina e Reggio Calabria, ma i porti si sviluppano se c’e’ collaborazione tra gli operatori, le istituzioni e le forze politiche”.

Per il presidente dell’Autorita’ portuale, “i porti di Reggio e Villa San Giovanni subiranno un’autentica rivoluzione”. Tra gli interventi segnalati, “l’elettrificazione delle banchine, in vista della scadenza del 2030 che imporra’ al naviglio lo spegnimento dei motori all’interno dei porti, dove ogni funzione dei servizi di bordo dovra’ essere assicurata con l’alimentazione elettrica”. A Reggio, inoltre, “sara’ realizzato un terminal crocieristico, con gli annessi servizi per il controllo e l’accoglienza dei passeggeri, la realizzazione di nuovi ormeggi per i mezzi veloci con Messina e le Isole Eolie, l’incremento delle corse giornaliere con Messina, aree attrezzate da destinare al diportismo di transito ed ai maxi yacht”. Il programma di rilancio, infine, riguardera’ anche il porto di Saline Ioniche, da tempo insabbiato. “Abbiamo dato incarico al Dipartimento di ingegneria dell’Universita’ “Mediterranea” – ha detto Mega – di realizzare gli studi preliminari per rimettere in servizio quel porto, con il dragaggio dei fondali e la ristrutturazione del molo sottoflutto, parzialmente crollato, area in cui, per altro, e’ intenzione della Regione Calabria istituire una zona economica speciale”.

Articoli Correlati