“Credo che non ci sia sogno più bello di un mondo dove il pilastro fondamentale dell'esistenza è la fratellanza, dove i rapporti umani sono basati sulla solidarietà, un mondo in cui siamo tutti d'accordo solla necessità della giustizia sociale e ci comportiamo di conseguenza” - Luis Sepúlveda
HomeCalabriaReggio CalabriaReggio, l'assessore Calabrò: "Deficitarietà deriva da obbligo iscrizione dei contributi ricevuti dallo...

Reggio, l’assessore Calabrò: “Deficitarietà deriva da obbligo iscrizione dei contributi ricevuti dallo Stato. Comune ha recuperato 60 mln di disavanzo”

“La condizione di deficitarietà è dovuta essenzialmente a due motivi. Il primo l’obbligo di iscrizione dei contributi ricevuti dallo Stato al titolo 4, quale somma destinata a copertura del disavanzo; il secondo alcuni debiti fuori bilancio dell’annualità 2021 che sono stati riconosciuti nel successivo esercizio finanziario. Entrambi i fattori concorrono agli equilibri di bilancio, che nonostante la deficitarietà tecnica sono rispettati”. Lo afferma, in una nota, Irene Calabrò, rispondendo alla minoranza e chiarisce in merito allo stato di salute delle finanze dell’Ente.

LEGGI ANCHE >>> Reggio, i Consiglieri di Forza Italia: ‘’La Calabrò dice che sente il solletico con le nostre critiche, in giunta poi il bilancio è un disastro, peggio dello scorso anno’’

“È di qualche giorno addietro – chiarisce ancora Calabrò – l’opportuna osservazione sollevata dal Dirigente del Settore Finanze a livello nazionale che ha sottolineato il problema della corretta iscrizione dei contributi dello Stato al titolo 4 del bilancio. I ministeri dell’Interno e delle Finanze hanno già predisposto la rettifica dei parametri per ovviare questo paradosso, che vogliamo risolvere al più presto attraverso il fitto dialogo con i Ministeri che è già stato attivato e che non riguarda esclusivamente il nostro Comune”.

“In merito alle conseguenze – aggiunge ancora Calabrò – si rende opportuno chiarire che il Comune di Reggio Calabria è da anni strutturalmente deficitario tranne che per l’annualità 2020. Ciò al fine di evitare allarmismi in merito ad assunzioni o altri servizi essenziali. La corretta applicazione delle norme contabili, benché difficile da comprendere, garantisce la veridicità del bilancio e dei documenti contabili”.

“Di contro – sostiene l’assessore – chi ha avuto la possibilità di leggere il documento contabile probabilmente non ha notato come il Comune abbia recuperato circa 60 mln di disavanzo (da 339 mln a 267 mln); ha migliorato la tempestività dei tempi di pagamento dei debiti; ha migliorato l’ accantonamento del fondo rischi contenzioso (da 9 a 14 mln) e non ha utilizzato anticipazione di tesoreria”.

“Personalmente – ha concluso Calabrò – sono convinta che il luogo deputato a snocciolare di questioni tecniche sia il confronto in Consiglio comunale. Ed in questo senso sono certa che saranno utili le sedute già programmate in Commissione bilancio, per l’esame del documento contabile”.

Articoli Correlati