“Sai cosa si fa quando non se ne può più? Si cambia” - Alberto Moravia
HomeCalabriaCosenzaConsegnati ai detenuti del carcere di Paola gli attestati dei corsi di...

Consegnati ai detenuti del carcere di Paola gli attestati dei corsi di formazione

Fare rete sul territorio, attuare le buone prassi e riabilitare soggetti svantaggiati attraverso piani rieducativi è il sunto della giornata trascorsa nella casa circondariale di Paola (CS) dai rappresentanti istituzionali, al fine di consegnare gli attestati di fine corso a quei detenuti che hanno partecipato ai moduli di formazione per la “cura di barba e capelli” e il “corso di pasticceria”, curati da Araba Fenice e inseriti all’interno del Programma Garanzia Giovani.

Alla cerimonia tenutasi nel teatro della casa circondariale di Paola, era presente: la direttrice Emilia Boccagna; la responsabile del Programma Garanzia Giovani, Annarita Lazzarini; il Responsabile del Centro per l’Impiego di Paola: Domenico Abramo; il rappresentante dell’ente di formazione, Giuseppe Focaccio.

Tutto è nato dall’idea di dare un’opportunità formativa ai detenuti, però spendibile sul mercato del lavoro una volta tornati in libertà: una vera e propria opportunità di reinserimento nella società.

Tutta l’azione propedeutica è stata curata dal Centro per l’Impiego di Paola che ha gestito la profilazione dei detenuti, che così hanno potuto accedere alla formazione che è valsa loro gli attestati di qualifica.

Grande apprezzamento in merito è stato espresso dalla Responsabile del Programma Garanzia GiovaniAnnarita Lazzarini, che nel suo intervento ha sottolineato “l’importanza di raggiungere luoghi come le case circondariali per formare i detenuti a cui le istituzioni hanno il dovere di guardare per riabilitarli all’interno della società una volta scontata la loro pena“.

Soddisfazione è stata espressa anche dal Responsabile del Centro per l’Impiego di Paola, Domenico Abramo, che ha asserito: “Il Centro per l’Impiego di Paola è impegnato su più fronti in azioni a grande propulsione sociale. Quello realizzato insieme ai detenuti è un esempio più che virtuoso che ci rende orgogliosi e soddisfatti. Il nostro CpI è sempre disponibile a partecipare a percorsi come questi, che danno aiuto e sostegno a chi ne ha più bisogno“.

Articoli Correlati