“Chiunque sia un uomo libero non può starsene a dormire” - Aristofane
HomeFronte del palcoFronte del palco CatanzaroTeatro inglese: cento studenti del "Fiorentino" di Lamezia Terme al "Metropolitan" di...

Teatro inglese: cento studenti del “Fiorentino” di Lamezia Terme al “Metropolitan” di Catania

Gli studenti del Fiorentino a Catania con Erasmus Theatre. Sul palcoscenico dello splendido teatro Metropitan  il cult del 1980 “ The Blues Brothers”. Cento gli studenti lametini del Liceo Claasico Artistico F. Fiorentino di Lamezia Terme che hanno partecipato all’evento in lingua inglese.

Per i ragazzi del  Fiorentino step finale del progetto “Teatro in Lingua” presentato dai docenti: Pasquale Roppa e Mimma Mazzei.  Un musical in Inglese per affrontare temi importanti come: razzismo, amicizia, disuguaglianze sociali, potere della musica.

Ottima la performance del cast scritturato dall’Erasmus. Lo spettacolo ha incantato gli oltre mille studenti presenti. Scrosci di applausi e cori soprattutto cori per il celeberrimo brano “Everybody Needs Somebody to Love”.

Quasi due ore di spettacolo. Sketch e canzoni per raccontare la storia dei fratelli Blues.: Jake e Elwood.  Dalla loro infanzia all’interno dell’orfanotrofio di Chicago all’esperienza del carcere. Al loro riscatto e alla loro missione di salvatori dell’orfanotrofio attraverso la loro passione per la musica.

“L’opera inizia sul carcere dell’Illinois, all’interno del quale Jake era stato rinchiuso per tre anni. Alla sua uscita Elwood lo va a prendere e insieme vanno a fare una visita alla Pinguina, la madre superiora nonché direttrice dell’orfanotrofio. Quest’ultima, dopo aver strigliato ben bene i due ex assistiti, li mette al corrente sulla situazione dell’istituto; se non troveranno 5.000 dollari saranno costretti a chiuderlo. Nonostante sia un’impresa difficile per i due fratelli, Elwood e Jake, durante un sermone del reverendo Cleophus James, hanno l’illuminazione: decidono di rimettere insieme la vecchia banda di rhytm and blues e con essa fare dei concerti in giro per lo stato cercando di racimolare la somma di denaro da dare alle suore”. “Una missione per conto di Dio”.

Alla fine la Blues Brothers Band al completo è in prigione e suona per i compagni detenuti il brano Jailhouse Rock.

 

 

 

Articoli Correlati