“L'accondiscendenza partorisce amici, la verità odio” - Marco Tullio Cicerone
HomeAgoràAgorà Reggio CalabriaGli studenti del Liceo Scientifico Zaleuco di Locri ricordano le vittime di...

Gli studenti del Liceo Scientifico Zaleuco di Locri ricordano le vittime di mafia

Anche per la giornata in memoria delle vittime innocenti delle mafie, giorno 21 Marzo, organizzata dall’Associazione “Libera” in collaborazione con la Diocesi di Locri – Gerace, non potevano mancare gli studenti del Liceo Scientifico Zaleuco di Locri, guidato dal Dirigente Carmela Rita Serafino. Accompagnate dalle docenti Monica Scoleri e Brigida Pedà, le classi 2 G e 3 H si sono recate nella Piazza Francesco Fortugno, antistante il Tribunale di Locri, per assistere alla cerimonia, nella quale si sono ricordati gli oltre mille nominativi di coloro che sono caduti sotto i colpi della criminalità organizzata.

Alla presenza di diverse personalità civili e religiose, tra le quali il Vescovo della Diocesi di Locri – Gerace, Mons. Francesco Oliva, il Presidente del Tribunale di Locri, dott. Fulvio Accurso e il Sindaco, facente funzioni, della città di Locri, Giuseppe Fontana, si è sottolineato che il cambiamento nei confronti delle associazioni mafiose è ancora possibile. È nell’unione degli intenti comuni di solidarietà, di priorità dei valori di una sana legalità, che sarà possibile togliere tasselli importanti a queste organizzazioni. Tanta parte avranno le nuove generazioni, che possono costruire quel ponte di passaggio verso una società libera da violenze e soprusi gratuiti.

L’importanza della cultura, allora, diventa prioritaria da parte delle istituzioni scolastiche che, con le tante iniziative progettuali sulla legalità e l’inserimento dell’educazione civica nel piano di studi, incidono sempre più nella formazione dei futuri cittadini, che consapevolmente accettano il confronto e vanno avanti nel rispetto delle regole comunitarie, per il bene di ognuno. Solo cementando tutto questo – si legge in un comunicato stampa dell’istituto scolastico locrese – si impedirà alle mafie di andare avanti, si costruirà quella barriera valoriale invalicabile, che non darà possibilità alcuna al crimine scellerato e prepotente, e che permetterà di camminare a testa alta nella dignità. Che i giovani non perdano il coraggio e quello slancio vitale, che fa ricercare la bellezza in ogni cosa, gridando il proprio “NO” a chi vuole privare il mondo del libero cammino e limitarlo alla propria piccolezza, difesa con arroganza e aggressività. Ancora una volta i ragazzi del Liceo Zaleuco hanno dimostrato, con la loro presenza, che tutto” è possibile”.

“La mafia teme la scuola più che la giustizia, l’istruzione toglie l’erba sotto i piedi della cultura mafiosa” (Antonio Caponnetto).

Articoli Correlati