“Chiunque sia un uomo libero non può starsene a dormire” - Aristofane
HomeCalabriaGratteri: "Se non piaccio a Csm per Roma e Napoli, farò altro....

Gratteri: “Se non piaccio a Csm per Roma e Napoli, farò altro. Sono un uomo libero e non starò mai zitto”

“Sono un uomo libero e non starò mai zitto per compiacere il potere o avere in cambio qualche favore. Continuerò a dire sempre quello che penso”.

In un’intervista esclusiva a “Il Lametino.it”, il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, parla a tutto campo del suo futuro prossimo – non appena scadrà il mandato alla guida della Dda del capoluogo di regione – si sofferma sulla storia criminale della Calabria, sul valore anche simbolico della nuova sede degli uffici giudiziari di Catanzaro e – tra gli altri argomenti – sull’evoluzione del processo Rinascita Scott in corso nell’aula bunker di Lamezia Terme.

“Potrei stare a Catanzaro fino al 16 maggio 2024 – spiega al ‘Lametino.it’ – dal 17 in questa procura tornerei sostituto procuratore dell’ordinaria, quindi non per reati di mafia. Devo per forza trovare per quella data un posto in cui poter continuare a fare il procuratore della Repubblica e che anche sul piano motivazionale rappresenti per me una sfida. Ho fatto domanda per la procura di Napoli e vedremo cosa pensa di me il Csm, in ogni caso si deciderà a febbraio 2023. Si è liberata la procura generale di Roma e farò domanda anche per quella”.

“Altrimenti, se per il Csm e la politica non vado bene per nessuna delle due postazioni, aggiunge – potrei andare in pensione e continuare a scrivere libri, a dire la mia. In realtà posso fare tante cose. C’è gente che può fare solo un mestiere, io almeno tre o quattro. Sono un bravo organizzatore, ho una grande manualità. Da bambino, nel mio paese (Gerace, ndr) sono andato a bottega – questa era la tradizione – e da quando avevo cinque anni ho iniziato a lavorare: ho imparato a fare il calzolaio, il panettiere, il falegname, il meccanico, a coltivare l’orto. Una cosa sia chiara sempre: sono sotto scorta dall’aprile 1989, più passano gli anni e minore è la mia libertà fisica, anche per percorrere 10 metri devo parlarne con la scorta ma nella mia testa resto un uomo libero, assai libero. Non ho padroni e continuerò a dire quello penso e se non lo dico è perché non lo posso dimostrare, ma di certo non starò in silenzio per avere incarichi. Sono libero e sono geloso di questa mia libertà. Molti non parlano per codardia o opportunismo rispetto al potere del momento. Non io”.

Articoli Correlati