“Chi non conosce la verità è soltanto uno sciocco; ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un malfattore” - Bertolt Brecht
HomeCalabriaPolitiche attive del lavoro, Calvetta: "Costruire una programmazione seria"

Politiche attive del lavoro, Calvetta: “Costruire una programmazione seria”

Politiche attive del lavoro efficienti, basate sull’incontro tra domanda e offerta e su elevati standard di qualità per lavoratori e imprese.

Una piattaforma programmatica ben precisa per metodo, finalità, strategie quella che il Segretario Generale della Camera di Commercio di Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia Bruno Calvetta, ha condiviso con il presidente dell’Ente Bilaterale Interprovinciale del Commercio, del Terziario e dei Servizi Fortunato Lo Papa, nel corso di una riunione tenutasi nei giorni scorsi nella sede catanzarese dell’Ente camerale, proprio finalizzata ad attivare confronto e sinergie operative per interventi funzionali allo scopo, sostenibili e premiali.

Rispetto alle tematiche in discussione, il Segretario Generale Calvetta ha sottolineato come Il sistema camerale nel suo complesso è da anni impegnato a creare sviluppo e occupazione puntando proprio su uno stretto collegamento tra imprese e mercato del lavoro nell’ottica di rilevarne preventivamente i bisogni, e, conseguentemente, di allineare domanda ed offerta attraverso interventi mirati, efficienti ed efficaci. In questa prospettiva sono stati elaborati, aggiornandoli nel tempo alle necessità, strumenti e strategie coerenti in cui rientrano audit, orientamento, alternanza scuola lavoro, formazione, riqualificazione e tirocini anche per l’autoimpiego e la nascita di startup innovative, femminili e sociali, con attenzione agli standard di sicurezza e qualità del lavoro e in un ottica di promozione dei processi di digitalizzazione, semplificazione amministrativa, internazionalizzazione. Anche la Camera di Commercio di Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia, in un’ottica di sistema, condivide questo processo, risultando, nel rapporto diretto con il sistema produttivo –dice Calvetta- un osservatorio economico privilegiato, fonte di dati, competenze ed esperienze anche a servizio di progettualità partecipate e condivise che, per quanto ci riguarda, favoriamo ricercando e attivando proficue sinergie con gli altri attori istituzionali sia in ambito nazionale che territoriale. L’incontro con il presidente il Presidente Lo Papa ha suggellato la volontà comune di agire incisivamente per politiche del lavoro efficaci ed inclusive individuando strumenti e risorse adeguate. Auspichiamo che ciò possa replicarsi anche in altri ambiti associativi ed istituzionali per costruire una programmazione seria, mirata, condivisaquanto a obiettivi, tempi e risorse- per dare direzione e dimensione ad uno sviluppo reale e coerente con le vocazioni del territorio e le legittime aspettative di imprese, giovani, professionisti e soprattutto capace di perimetrare al territorio i suoi effetti positivi tanto da trattenere risorse –umane, materiali e immateriali- moltiplicando crescita e opportunità”.

Articoli Correlati