“La realtà non è altro che un 'paesaggio nella nebbia': misterioso e tutto da scoprire” - Theo Anghelopoulos
HomeBasketReggio Bic, Disco rosso contro le Volpi rosse di Firenze, testa all’Eurocup

Reggio Bic, Disco rosso contro le Volpi rosse di Firenze, testa all’Eurocup

La testa è all’Eurocup ed alla prima di Eurocup programmata per le ore 11.15 al PalaCalafiore contro Iberconsa Amfiv, team spagnolo davvero quotato.

 

Sconfitta per gli amaranto nella gara di campionato, spareggio per il quarto posto contro Firenze.

 

La cronaca:

 

Primo periodo che serve a “studiarsi” ad entrambe  le formazioni.

I ragazzi di coach Antonio Cugliandro riescono a mantenere basso il divario, costringendo ad errori la compagine toscana e recuperando pallone dopo pallone.

Sul finale però i reggini abbassano la guardia e fanno allungare sul più 8 Firenze.

Arriva anche un tecnico contro gli amaranto che consente ai toscani di chiudere il primo quarto sul più 10 con il punteggio di 10-20.

 

Nel secondo quarto gli ospiti prendono il largo ampiamente.

La Reggio Bic però non sta a guardare e con grinta si aggrappa a tutto ciò che ha per non far aumentare il divario tra le formazioni.

 

Firenze è precisa al tiro e rende vani gli sforzi dei reggini.

Il parziale che porta all’intervallo lungo si conclude sul 19-39 in favore degli ospiti.

 

Il terzo quarto non fa migliorare le cose per il team reggino.

Firenze controlla la partita con un buon margine di vantaggio sui padroni di casa.La Reggio Bic non riesce a colmare il gap commettendo troppi errori.

Il parziale si conclude per 32-47 in favore delle Volpi Rosse.

 

Il quarto e ultimo periodo, vede una copia dei precedenti quarti, dove i reggini non riescono a recuperare il divario.

Si conclude il match per 40-56  in favore del team gigliato.

Un match che è stato sempre in direzione della squadra ospite e ha evidenziato come quest’oggi i reggini fossero poco concentrati.

Adesso Coach Cugliandro dovrà far si che per l’avvio dell’Eurocup i suoi ragazzi cambino passo poiché l’8 marzo è ormai alle porte e sicuramente non bisognerà sfigurare.

Articoli Correlati