“Credo che non ci sia sogno più bello di un mondo dove il pilastro fondamentale dell'esistenza è la fratellanza, dove i rapporti umani sono basati sulla solidarietà, un mondo in cui siamo tutti d'accordo solla necessità della giustizia sociale e ci comportiamo di conseguenza” - Luis Sepúlveda
HomeAgoràAgorà CatanzaroSuccesso al Dadada Beach Museum per la mostra allestita dal collettivo "AmatoriArte". In...

Successo al Dadada Beach Museum per la mostra allestita dal collettivo “AmatoriArte”. In centinaia a visitare la Summer Art Selection

Incontrare gli artisti, chiedere lumi, scoprire insieme le tecniche, analizzare le opere. E’ più di una semplice mostra quella allestita dal collettivo “AmatoriArte” al Dadada Beach Museum. Un vero e proprio percorso di confronto con l’arte contemporanea in cui la tela non resta fine a sé stessa, ma si pone come un punto d’inizio per un dialogo con il suo autore e con l’arte più in generale, un’occasione di scambio a vocazione sociale ma anche come uno stimolo alla produzione, al dialogo ed al fermento culturale e artistico dei giovani artisti.

Il collettivo catanzarese è riuscito nell’intento di realizzare proprio questo, ospite del Dadada Beach Museum, primo museo al mondo sulla spiaggia, dove già un anno fa lo stesso gruppo aveva dipinto a mano i fusti di 5 palme realizzando così un’installazione ambientale di grande impatto.

Alessandro Leone, Elpidio D’Ambra, Livia Larussa, Ludovica Sgromo, Pole, Surdesfondspeints: questi i sei protagonisti di “Summer Art Selection”, una mostra collettiva che ha consentito ai visitatori di farsi coinvolgere da questa comunità che continua a crescere giovando di processi di integrazione orizzontali e del tutto spontanei e, volendo, anche di acquistare i pezzi unici in esposizione, sostenendo così la produzione artistica locale.

L’associazione Amatoriarte -lo ricordiamo- nasce proprio con lo scopo di offrire sostegno e visibilità ai giovani talenti artistici calabresi, che troppo spesso soffrono la mancanza di spazi di condivisione idonei a sviluppare un dialogo comunitario e aperto a tutti sui temi della creatività e della libera diffusione delle arti indipendenti.

L’evento è parte delle iniziative estive del Dadada Beach Museum, che a breve inaugurerà due nuove installazioni ad opera di altrettanti giovani artisti locali il cui talento è già virale sui social.

Tutte le opere esposte al Dadada Beach Museum arricchiscono, anno dopo anno, l’esposizione permanente del Museo, che conta già finora numerosi pezzi di Loprete, Loreti, Rotundo (U Ciaciu), Raffaele, oltre che le già citate palme del “Sud del Mondo”, cinque palme per cinque messaggi essenziali: uguaglianza, fratellanza, spiritualità, libertà, vita, piantumate e dipinte con il preciso intento di consegnare al futuro un messaggio di pace, resilienza e speranza collettiva.

Articoli Correlati