“Le convinzioni, più delle bugie, sono nemiche pericolose della verità” - Friedrich Nietzsche
HomeCalabriaReggio CalabriaReggio, la sezione ANPI 'Nilde Iotti' verso il congresso

Reggio, la sezione ANPI ‘Nilde Iotti’ verso il congresso

La sezione ANPI Nilde Iotti è lieta d’annunciare il congresso sezionale che avrà luogo venerdì 17 maggio alle ore 17.00, presso l’Aula Magna dell’Università Telematica PEGASO, via de Nava,140 Reggio Calabria (accanto al Museo).

Il congresso di una nuova sezione ANPI, intitolata ad una  donna  partigiana, (componente  dell’Assemblea Costituente, prima donna a ricoprire la carica di Presidente della camera dei deputati e con altri e fondamentali ruoli nella difesa dei diritti delle donne e dei diritti civili in genere) sarà l’occasione – si legge in un comunicato stampa della stessa sezione reggina – per dare avvio ad una nuova fase di difesa e promozione dei valori di Libertà, Eguaglianza, Democrazia, Solidarietà e Pace; pilastri della  Resistenza e, successivamente,  della nostra stessa  Costituzione. Ideali ispiratori dell’Anpi e quindi di tutte quelle forze democratiche che hanno partecipato alla Resistenza ed alla Liberazione dal nazifascismo; ideali di portata universale non relegabili ad un preciso momento storico che meritano, piuttosto, d’essere tradotti nei nuovi linguaggi dei tempi contemporanei che registrano preoccupanti spinte reazionarie, autoritarie e antidemocratiche obbligandoci (moralmente e culturalmente) a nuove forme di “partigianeria” che interpretino quei valori in senso attuale.

La costituzione di una nuova sezione ANPI, quindi, non è l’inaugurazione di un “museo della memoria” per orfani di un sentimento politico; è, di fatto, un laboratorio di confronto di ogni soggetto antifascista che mira a divenire presidio di democrazia sul territorio, nelle scuole, nella società civile e presso le Istituzioni; un filtro che rilevi e contrasti  le nuove e mascherate forme di “fascismo” oggi sdoganate con suggestive ed apparentemente “innocue” espressioni come “premierato” , “sovranismo” ecc..

La consapevolezza forte del fatto che nessuna conquista è permanente ci ricorda che i padri costituenti fissarono bene il concetto, reduci dalle sofferenze del ventennio, che la democrazia va praticata e difesa da attori protagonisti e non da spettatori.

Ogni qualvolta si abbassa la guardia riemergono i mostri e le ombre della sopraffazione, della violenza e delle forme di governo liberticide che, nel nome della “sicurezza”, vorrebbero accentrare i poteri riducendo la sovranità popolare ed i diritti individuali.

Essere partigiani, oggi come ieri, significa “prender parte” vincendo quell’ignavia e quella “indifferenza” che Gramsci condannò con estrema puntualità ideale ed etica.

Articoli Correlati