“Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualsiasi ingiustizia commessa contro chiunque in qualunque parte del mondo. È la qualità più bella di un rivoluzionario” - Ernesto “Che” Guevara
HomeCalabriaCatanzaroIl generale Vannacci a Catanzaro risponde su possibile candidatura alle Europee: "Nei...

Il generale Vannacci a Catanzaro risponde su possibile candidatura alle Europee: “Nei prossimi giorni renderò nota la mia decisione”

“Per quanto riguarda quello che dovro’ decidere, le valutazioni che sto facendo, giungeranno a maturazione sicuramente nei prossimi giorni e lo rendero’ noto”. Cosi’ il generale Roberto Vannacci, parlando con i giornalisti a Catanzaro, con riferimento a una sua possibile candidatura alle Europee.

“Sono valutazioni individuali, intanto – ha poi aggiunto Vannacci rispondendo a una domanda su quali motivi potrebbero convincerlo definitivamente a candidarsi – vorrei essere sicuro di poter influire nel mondo politico perche’ entrarci per essere totalmente ininfluente non e’ una cosa che mi interessa. Secondo vorrei effettivamente vedere se ho i requisiti e le capacita’ per poter svolgere questo tipo di mansione, di incarico e poi sono valutazioni a livello personale con la sfera degli affetti piu’ cari perche’ – ha concluso il generale – sarebbe una decisione che modificherebbe totalmente quella che e’ la mia vita privata”.

“Il mio legale ha presentato ufficialmente ricorso avverso quel provvedimento appellandosi alla liberta’ di manifestazione del pensiero, una liberta’ costituzionalmente garantita non solo a livello nazionale ma anche a livello internazionale e di comunita’ europea” – ha commentato poi la presentazione del ricorso al Tar contro il provvedimento di sospensione adottato nei sui confronti dall’Esercito. “Visto che la sospensione e’ stata presa per il semplice fatto che abbia pubblicato un libro, cosa alquanto non solo normale ma anche indicata in un paese democratico e libero, il mio legale – ha aggiunto Vannacci – ha pensato bene di opporsi a questo provvedimento disciplinare e adire alle vie legali per far valere quello che presume essere l’illegittimita’ del provvedimento stesso”.

Articoli Correlati