“È difficile sapere cosa sia la verità, ma a volte è molto facile riconoscere una falsità” - Albert Einstein
HomeAgoràAgorà Reggio CalabriaVentura sull'importanza della mostra "Oltre l'emergenza" al MArRC: "Dovrebbe essere per noi...

Ventura sull’importanza della mostra “Oltre l’emergenza” al MArRC: “Dovrebbe essere per noi fonte di interesse e curiosità”

«Voglio sottolineare l’importanza della mostra “Oltre l’emergenza”, attualmente visitabile al Museo Archeologico di Reggio, perché tra le quattro al momento allestite ho avuto la sensazione che sia forse percepita come un qualcosa di minore, quasi accessorio, ma che invece dovrebbe essere per noi la fonte di maggiore interesse e curiosità. L’aver tramutato un problema in un trampolino di lancio è stato un colpo da maestro».

Così in un comunicato Francesco Ventura, studioso locale impegnato nella promozione della lettura e per la rivitalizzazione del greco-calabro, curatore del Convegno “Franco Mosino”, evento annuale dedicato all’approfondimento e divulgazione degli studi del compianto filologo reggino.

«La programmazione culturale del Museo sotto la direzione di Carmelo Malacrino e l’operato della sua squadra è stata tra le grandi fortune capitate alla nostra Città quantomeno nell’ultimo decennio. Fin dalla riapertura tante sono state le mostre allestite, spesso grazie a prestiti mirati, ma soprattutto movimentando i reperti già esposti o in deposito – continua Ventura – La movimentazione è fondamentale, poiché capita per forza di cose che un reperto percepito ingiustamente come minore possa passare inosservato. Infatti, rischia facilmente di eclissarsi nella caleidoscopica esposizione di cui siamo i custodi, mentre invece con queste mostre pure il più piccolo tassello del nostro passato ha avuto, sta avendo ed avrà la propria occasione per attirare l’attenzione e dichiarare la propria importanza al grande pubblico. Fantastico! Ed ancora più emozionanti sono le mostre come quella in corso in cui vengono spalancate le porte del deposito. La sensazione è stupenda, è come sbirciare sul nostro passato dal buco della serratura, attraversando la sala dedicata ad “Oltre l’emergenza” per un attimo si diventa protagonisti del dietro le quinte, col fascino intramontabile di accedere ad un luogo per soli addetti ai lavori. Cogliete queste occasioni irripetibili, buona visita!».

Articoli Correlati