“La verità è la nostra padrona, non noi i suoi padroni” - Mihai Eminescu
HomeCelluloideCelluloide CatanzaroDomani a Soverato la presentazione del libro di Attanasio per conoscere meglio...

Domani a Soverato la presentazione del libro di Attanasio per conoscere meglio il grande regista De Seta

La Libera Università Popolare della terza età e del tempo libero “Magno Aurelio Cassiodoro” di Soverato, nell’ ambito degli incontri culturali del venerdì, ha organizzato la presentazione del libro di Eugenio Attanasio, regista e presidente della Cineteca della Calabria, “Vittorio De Seta. Lettere dal Sud”. Dialogano con l’autore la professoressa Maria Rosaria Pedullà e il giornalista Luigi Stanizzi. L’appuntamento è fissato per venerdì 26 gennaio 2024, alle ore 18, nella sala consiliare “Bruno Manti” del Comune di Soverato. Ingresso libero, la cittadinanza è invitata a partecipare. L’evento culturale si inserisce nel XXIX Anno Accademico 2023-2024.

L’opera a più voci è stata presentata in eventi prestigiosi, fra cui il primo Tropea Film Fest e alla 67. edizione del Taormina Film Festival. L’opera raccoglie lettere inedite, diari, articoli, conversazioni e testimonianze ripercorrendo alcuni momenti più significativi, del regista e dell’uomo, avvalendosi di contributi autentici e qualificati di Mariarosaria Donato, Domenico Levato, Luigi Stanizzi, Davide Cosco e altri intellettuali. Un prodotto editoriale importante, che giunge al termine di un lungo lavoro effettuato dalla Cineteca della Calabria sul regista, del quale la Cineteca custodisce l’opera omnia, ed iniziato vent’anni fa con la prima ristampa dei documentari 54’59, proseguito nelle scuole con i progetti di alfabetizzazione e di divulgazione del cinema antropologico. Non solo un percorso culturale ed una eredità intellettuale della Cineteca della Calabria, ma anche una grande amicizia tra Vittorio De Seta e Eugenio Attanasio che ha incluso ricordi personali della figlia Francesca e della nipote Vera Dragone, attrice e cantante, esponente di una famiglia che si divideva tra il cinema del nonno Vittorio e il teatro della nonna Vera Gherarducci.

Articoli Correlati