“Ogni falsità è una maschera, e per quanto la maschera sia ben fatta, si arriva sempre, con un po' di attenzione, a distinguerla dal volto” - Alexandre Dumas - “I tre moschettieri”
HomeCalabria'Ndrangheta in Lombardia, per la prima volta una donna "braccio destro del...

‘Ndrangheta in Lombardia, per la prima volta una donna “braccio destro del boss Bandiera”

Nell’inchiesta della Dda di Milano e della Polizia di Stato sulla locale cosca della ‘Ndrangheta a Rho (Milano) “abbiamo cinque donne arrestate e per la prima volta in Lombardia viene contestato a una di loro il ruolo operativo e organizzativo di capo”. L’ha detto la pm della Dda Alessandra Cerreti, in una conferenza stampa, in merito all’esecuzione di 49 misure cautelari che hanno smantellato l’organizzazione. Un elemento “evocativo di un modello culturale che cambia”, ha aggiunto. Caterina Giancotti, 45 anni, e’ considerata il “braccio destro di Christian Bandiera”, figlio del boss Gaetano. “E’ formalmente estranea”, ha spiegato la pm antimafia, “a circuiti criminali, ma con una tempra violenta riesce a guadagnarsi la stima del capo”.

LEGGI ANCHE >>> ‘Ndrangheta nel Milanese, le minacce del clan: “Ti mangio il fegato a te e a questi due infami”. Intimidazioni con teste di maiali e capretto

“Vuoi che divento cattiva ed io divento cattiva”. “Non me ne frega un c.., se no ti taglia la testa”. “Adesso mi sono rotta il c… (…) le regole le faccio uguali per tutti io”. E’ questo il tenore delle minacce usate da Caterina Giancotti, 45 anni, finita in carcere oggi e accusata di avere avuto un “ruolo di organizzatore” nel clan della ‘Ndrangheta di Rho, nel Milanese, stando a quanto emerge dalle intercettazioni contenute nelle oltre 1300 pagine di ordinanza cautelare a carico di 49 persone, eseguita dalla Squadra mobile e firmata dal gip Stefania Donadeo. Giancotti, stando agli atti, sarebbe stata “persona di estrema fiducia di Bandiera Cristian Leonardo”, figlio dello storico boss Gaetano, e lo avrebbe aiutato “negli atti di intimidazione e nelle estorsioni, nel traffico di armi, nel commercio della sostanza stupefacente, sino a sostituirlo, in assenza di quest’ultimo, con potere decisionale”. In particolare, nel recupero crediti e nel traffico di cocaina. Il suo ruolo è aumentato “nel periodo tra il 23 ottobre e il 1° novembre 2020” in occasione “dell’assenza” di Cristian Bandiera, “ristretto all’interno del carcere di Bollate, poiché posto dall’Amministrazione Penitenziaria in quarantena fiduciaria”. A quel punto, la donna lo ha “sostituito” nella gestione “delle attività illecite, coordinando” anche “i sottoposti” Antonio Procopio e Alessandro Furno, che avevano in lei “il loro punto di riferimento”. A un debitore, ad esempio, diceva: “io non ti lascio tranquillo, perché oggi li devi portare”. Spesso, si legge ancora, assumeva “la parte di intermediario per evitare conseguenze negative da parte di Bandiera” e diceva a chi doveva pagare frasi come queste: “Poi va a finire che uno perde la pazienza e si finisce a litigare e io voglio evitare”.

Articoli Correlati