“Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualsiasi ingiustizia commessa contro chiunque in qualunque parte del mondo. È la qualità più bella di un rivoluzionario” - Ernesto “Che” Guevara
HomeAgoràAgorà CosenzaIl presidente nazionale Riccardo Di Stefano a Corigliano Calabro per discutere di...

Il presidente nazionale Riccardo Di Stefano a Corigliano Calabro per discutere di marketing territoriale e welfare con i giovani imprenditori di Unindustria Calabria

Il presidente nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria Riccardo Di Stefano sarà in Calabria il prossimo lunedì 4 luglio per intervenire al “Quale Impresa Cafè”, un momento di incontro promosso dalla rivista nazionale dei Giovani di Confindustria diretta da Alfredo Citrigno, in collaborazione con i Giovani di Unindustria Calabria e di Confindustria Cosenza.
Al centro del dibattito il tema “Welfare aziendale e marketing territoriale: le nuove leve per lo sviluppo” che sarà affrontato da esperti e rappresentanti istituzionali presso la splendida cornice del Castello di Corigliano Calabro, con inizio dei lavori previsto per le ore 17,30.
A porgere i saluti istituzionali i presidenti di Unindustria Calabria Aldo Ferrara, dei Giovani Imprenditori calabresi Umberto Barreca e dei Giovani di Confindustria Cosenza Roberto Rugna.

Accanto al presidente Riccardo Di Stefano e al direttore di “Quale Impresa” Alfredo Citrigno, interverranno l’Assessore per il Turismo della Regione Calabria Fausto Orsomarso, il Responsabile Commerciale Puglia, Matera, Calabria di Banca Mediolanum Ugo Lombardi, e Jacqueline Verdicchio, Head of business welfare di Randstad Italia. Coordinerà i lavori il direttore dell’Eco dello Jonio Marco Lefosse.

Nel corso dell’incontro non mancheranno i riferimenti ai cambiamenti in atto che stanno condizionando la vita di imprenditori e cittadini e la cui indeterminatezza induce a ripensare continuamente gli investimenti programmati ed i piani di allargamento della base produttiva. Qualunque ipotesi di sviluppo, se vuole realizzarsi in concreto e durare nel tempo, dovrà necessariamente fare i conti con la crescita delle imprese, una nuova visione di welfare aziendale e di benessere dei lavoratori in armonia con il contesto in cui le aziende operano, per continuare a creare lavoro e generare ricchezza per le comunità. Il marketing territoriale diventa, così, una leva per lo sviluppo del Sud che trae linfa vitale dalla cultura identitaria strettamente connessa alla sua diffusione, capacità di analisi e di testimonianza attiva.

Il “Quale Impresa Cafè” dei Giovani Imprenditori di Confindustria sarà, quindi, una occasione importante per valorizzare le potenzialità culturali ed economiche del territorio ed al tempo stesso favorire un momento di confronto e di conoscenza utile a fare rete e stringere nuove alleanze, avendo come obiettivo di lungo termine la crescita economica e sociale dei territori e del Paese.

Articoli Correlati