“La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla” - Gabriel Garcia Marquez
HomeAgoràAgorà Catanzaro"Premierato e Autonomia differenziata: pesi e contrappesi": il 18 aprile convegno a...

“Premierato e Autonomia differenziata: pesi e contrappesi”: il 18 aprile convegno a Catanzaro

Giovedì 18 Aprile 2024, con inizio alle ore 17,  alla Camera di commercio di Catanzaro, in via Minniti Ippolito n.16, si terrà l’incontro di studio  su  “Premierato e Autonomia differenziata: pesi e contrappesi”. L’iniziativa è organizzata da A.N.D.E., dalla Camera di Commercio CZ-KR-VV e dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Catanzaro. Interverranno il presidente della Camera di Commercio Pietro Falbo, il presidente del Consiglio dell’Ordine degli avvocati Vincenzo Agosto, la presidente Ande Catanzaro Roberta Porcelli, il professore di Diritto costituzionale dell’Università Magna Graecia di Catanzaro Andrea Lollo, Agazio Libero già presidente della Regione Calabria, Mario Tassone già viceministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Marisa Fagà presidente Ande nazionale. Modera Giuseppe Soluri presidente Ordine giornalisti.

<<L’obiettivo – chiarisce nel presentare l’evento Roberta Porcelli presidente Ande Catanzaro – è quello di approfondire e cominciare a confrontarsi sulle due riforme che, attualmente, occupano la scena politica e che potrebbero avere un impatto importante sul nostro vivere civile. L’Ande, già a febbraio dello scorso anno ha sviscerato, in un pubblico dibattito, il tema dell’autonomia differenziata da un punto di vista giuridico, economico e sociale. Oggi vogliamo riprendere il discorso sull’autonomia differenziata da dove lo abbiamo lasciato, analizzando nuovamente il testo della legge nelle parti nel frattempo oggetto di modifica; vogliamo poi soffermarci sugli effetti che sortirebbe tale riforma, sul nostro sistema costituzionale, se passasse anche la  riforma sul premierato. L’autonomia differenziata è, ci si chiede, il “do ut des” per ottenere la riforma sul premierato, o c’è una correlazione necessaria tra le due riforme? Il premierato, e quindi l’elezione a suffragio universale del primo ministro, può considerarsi il necessario contrappeso al sistema previsto dalla riforma Calderoli, che rafforza il potere dei presidenti di regione? È un tema, quello oggetto del prossimo incontro, ambizioso da trattare, non facile, ma sul quale è necessaria una riflessione, anche in vista di eventuali referendum.

Sicuramente – continua la presidente dell’Ande  Roberta Porcelli – se dovessero passare insieme le riforme del premierato e dell’autonomia differenziata, al di là della condivisibilità dei contenuti, ci troveremmo, in un altro sistema costituzionale. Cercheremo di approfondire la questione, attraverso la relazione del costituzionalista Andrea Lollo e gli interventi programmati degli onorevoli Simona Loizzo, parlamentare della Lega, Agazio Loiero e Mario Tassone.
L’incontro – conclude l’avvocato Roberta Porcelli –  è aperto a tutti quanti possano essere interessati. Si raccomanda la puntualità>>.

Ai professionisti partecipanti saranno concessi n.  3  CFP , ai sensi del regolamento per l’aggiornamento della competenza professionale per l’anno 2024.

Articoli Correlati