“Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati” - Bertolt Brecht
HomeCalabriaReggio CalabriaOspedale Locri, Auddino (M5S): "Riqualificazione reparto Oncologia, stroardinario progetto"

Ospedale Locri, Auddino (M5S): “Riqualificazione reparto Oncologia, stroardinario progetto”

“Domani, venerdì 8 Luglio alle ore 11:30 insieme all’Associazione Angela Serra, si presenterà all’Ospedale di Locri il progetto esecutivo per la riqualificazione del reparto di Oncologia che supporto con convinzione da due anni. In più occasioni ho sottolineato l’importanza dell’operato dell’Associazione Angela Serra in Italia e sin dall’inizio ho creduto nel progetto della nuova Oncologia, insieme al Prof. Massimo Federico, Presidente della Associazione, ed al Responsabile della Sezione di Locri, Dott. Attilio Gennaro. Non posso, quindi, che essere soddisfatto di questo progetto esecutivo” afferma il Senatore polistenese del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Auddino.

“Grazie all’Asp di Reggio Calabria che ha accolto l’ottima iniziativa e all’Associazione Angela Serra che si è resa disponibile a realizzare a proprie spese il progetto esecutivo, la nuova Oncologia di Locri sarà collegata all’ospedale tramite un corridoio interno: parlo di un’area di circa 1000 metri quadrati, dove sono previste 3 aree distinte, una ambulatoriale per le visite ed i controlli ambulatoriali, una di Day Hospital per infusione farmaci, e una di degenza. Ho monitorato e sostenuto ogni fase di questo straordinario progetto che mi sta molto a cuore e su cui lavoro insieme all’associazione dal 2020, perché lo ritengo necessario ed urgente per cui ora non posso che esserne estremamente soddisfatto.

Da tempo seguo le vicende della Sanità in provincia di Reggio Calabria lavorando alle soluzioni migliori e fattibili. È urgente realizzare anche in Calabria un numero adeguato di centri specializzati nella diagnosi precoce e nella cura dei tumori. Voglio offrire ai calabresi le migliori opportunità di cura e di guarigione nella propria regione senza che siano costretti a migrare in qualche città del settentrione d’Italia per doversi curare” conclude Auddino.

Articoli Correlati