“Gli eserciti cessano di avanzare perchè le persone hanno le orecchie e i pastori e i soldati giacciono sotto le stelle scambiandosi opinioni” - Patti Smith – “People have the power”
HomeCalabriaCatanzaroInchiesta "Jonny", indagati ex sindaco di Isola Capo Rizzuto e funzionario della...

Inchiesta “Jonny”, indagati ex sindaco di Isola Capo Rizzuto e funzionario della Prefettura di Crotone

L’ex sindaco di Isola capo Rizzuto Gianluca Bruno e il funzionario della Prefettura di Crotone Carmelo Giordano sono indagati in un nuovo filone dell’inchiesta coordinata dalla Dda di Catanzaro denominata Jonny sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta sul centro di accoglienza per migranti Cara di Isola Capo Rizzuto. Ai due – scrive il Quotidiano del Sud – è stato notificato un avviso di conclusione indagini per concorso esterno in associazione mafiosa per Bruno e corruzione aggravata per Giordano. Lo stesso provvedimento è stato notificato anche a Leonardo Sacco, già condannato a 20 anni di reclusione in appello nel processo scaturito dalla prima indagine che porto’ all’operazione Jonny nel maggio 2017, indagato per corruzione.

Bruno, secondo quanto emerso dalle indagini, coordinate dai pm della Dda catanzarese, diretta da Nicola Gratteri, Domenico Guarascio e Pasquale Mandolfino, avrebbe consentito “ai membri di’ vertice del sodalizio di poter acquisire lotti immobiliari nel comune di Isola di Capo Rizzato, garantendo loro la compiacenza delle strutture comunali, ponendosi quale figura di riferimento istituzionale capace di interloquire con i diversi enti (in primis Provincia ed istituzioni governative) al fine di garantire alla Misericordia ed ai suoi fornitori il controllo degli appalti serventi il Cara (centro di accoglienza per richiedenti asilo, ndr) ed il recupero dei crediti ivi afferenti, con tali condotte agevolando le attivita del sodalizio che risultava rafforzato nella sua capacita’ operativa e nel conseguimento dei propri scopi”.

Giordano è accusato di corruzione aggravata perché, si legge nell’avviso di conclusione indagini, “dopo che la Prefettura di Crotone sottoscriveva una convenzione con la Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia per la gestione del centro per immigrati Sant’Anna di Isola di Capo Rizzato, cosi affidando detta attivita’ alla “Fraternità di Misericordia”, articolazione territoriale locale del predetto ente benefico” avrebbe accettato 10mila euro da Leonardo Sacco, a capo della Misericordia di Isola. In cambio Giordano – nella sua veste di ragioniere in servizio alla Prefettura di Crotone, con compiti anche di gestione amministrativa e contabile dei capitoli di bilancio relativi alle spese per i centri di accoglienza per immigrati – avrebbe omesso “il controllo sul subappalto da parte della Fraternità di Misericordia in favore di imprese terze del servizio di mensa per gli ospiti della struttura”.

Articoli Correlati