“La verità è la nostra padrona, non noi i suoi padroni” - Mihai Eminescu
HomeCalabriaCatanzaro: dopo 11 anni, imprenditore torna in possesso di beni immobili confiscati

Catanzaro: dopo 11 anni, imprenditore torna in possesso di beni immobili confiscati

Si è conclusa dopo undici anni, con la revoca integrale della confisca disposta dal Tribunale di Catanzaro, la vicenda relativa alla legittimità di tutti i beni immobili, dei conti correnti e di tutte le attività aziendali di proprietà dell’imprenditore Serafino Piacente e della sua famiglia.

La legittimità del complesso aziendale facente capo ai Piacente era stata messa in discussione nel 2012, quando uno dei figli dell’imprenditore era stato chiamato in causa dalle dichiarazioni di due collaboratori di giustizia che lo accusavano di avere raggiunto un accordo in base al quale l’impresa edile di cui l’imprenditore era uno dei titolari avrebbe dovuto pagare una somma, a titolo estorsivo, a favore di un’associazione mafiosa allo scopo di ottenere l’agevolazione dell’attività imprenditoriale pilotando qualche appalto. Da qui, prima il sequestro di beni mobili e immobili del figlio di Serafino Piacente ma anche di quelli riconducibili a lui e a tutti gli altri suoi familiari.

In particolare venne disposta la confisca di numerosi appartamenti e di tutto il plesso aziendale della “Calcestruzzi Sant’Antonio” di Lamezia Terme. Ritenendo che non vi fossero i presupposti che legittimassero la confisca, nel 2019, e’ stata avanzata una richiesta di revisione del provvedimento allegando una consulenza tecnica e una bancaria da cui emergeva l’assoluta legittimità della provenienza di tutti i beni. La richiesta di revisione fu rigettata, per cui i difensori della famiglia Piacente, gli avvocati Francesco Gambardella e Gianluca Careri, proposero, nel 2021, un ricorso in Cassazione rispetto al quale il giudice di legittimità, ritenendo fondate le ragioni difensive, stabilì il rinvio a Catanzaro per un nuovo esame della richiesta. Da qui l’esito dell’udienza, depositato lo scorso 23 novembre, che ha consentito a Serafino Piacente e ai suoi familiari di rientrare in possesso di tutto il loro patrimonio immobiliare e aziendale e dei rispettivi conti correnti bancari.

Articoli Correlati